Legge di Bilancio 2019, le novità sulla sanità



legge di bilancio 2019 medicine




Dopo l’approvazione della Legge di Bilancio 2019, ci sono novità anche nel settore della sanità. Primo fra tutti, il finanziamento di 113 miliardi per il Fondo Sanitario Nazionale ed ancora:

  • i nuovi tetti per la spesa farmaceutica diventano del 6,89% per il “tetto della spesa farmaceutica per acquisti diretti” (oggi al 3,5%) e del 7,96% per il “tetto della spesa farmaceutica convenzionata”(oggi dell’ 11,35%).

Legge di bilancio 2019, la spesa farmaceutica

Infatti, dal 2017 il tetto della spesa farmaceutica è calcolato a lordo della spesa per i farmaci di classe A in distribuzione diretta e distribuzione per conto.

  • Le misure per il pubblico impiego e la stabilizzazione dei precari;
  • i fondi per farmaci innovativi, farmaci oncologici e vaccini: è stato stanziato un miliardo di euro per i farmaci innovativi dei quali 500 per un nuovo fondo per farmaci oncologici; mentre per i vaccini è stato istituito un fondo per l’acquisto vaccini pari a 186 milioni di euro a decorrere dal 2019.
  • Proprio per incrementare gli investimenti pubblici e privati nei settori della ricerca per la
    prevenzione e la salute, è stata realizzata una fondazione scientifica e di ricerca, di interesse
    nazionale, multidisciplinare e integrata nei settori della salute, della genomica, dell’alimentazione
    e della scienza dei dati e delle decisioni e per la realizzazione della Human Technopole.

Sono stati stanziati per il 2019, 136, 5 milioni di euro.

Per le infermiere e le ostetriche che siano lavoratrici dipendenti da almeno 6 anni in via continuativa e
con un’anzianità contributiva di almeno 36 anni, sarà possibile accedere all’anticipo pensionistico (APE).

Per chiunque svolga professioni sanitarie infermieristiche ed ostetriche ospedaliere con lavoro
organizzato in turni da almeno sei anni in via continuativa (e svolge un’attività che richieda un impegno
tale da rendere particolarmente difficoltoso e rischioso il loro svolgimento in modo continuativo), sarà
possibile accedere all’anticipo pensionistico con l’unico requisito di aver versato 41 anni di contributi.





Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.