Assegno fuori piazza che significa?



Assegno fuori piazza che significa




Come funziona l’assegno in generale? L’assegno non è altro che un titolo di credito a vista che da al beneficiario l’opportunità di avere la cifra indicata presentandolo direttamente alla banca.

E’ considerato ad oggi una valida alternativa al classico utilizzo del denaro contante, tra l’altro diventa comodo nel caso in cui l’importo da pagare superi la cifra di 3000 euro e di conseguenza non si può usare il contante.

La compilazione dell’assegno bancario

Per poter emettere un assegno bancario bisogna ritirare presso la propria banca di fiducia in cui si ha il conto corrente l’apposito libretto degli assegni, di solito composto da un totale di 10 fogli. Questi sono caratterizzati da una matrice che resta all’emittente e l’assegno vero e proprio. A compilare entrambe le parti dev’essere l’emittente.




Compilare assegno è un gioco da ragazzi. Sulla matrice bisogna riportare correttamente la data, il numero, l’importo e il beneficiario. Per quanto riguarda l’assegno, invece, vanno indicate le stesse info, deve essere firmato dal traente e indicare data, importo totale, nome del beneficiario e luogo di emissione.

Esistono tantissimi assegni ma uno dei più discussi è quello fuori piazza. Che significa? Parliamo di un assegno che in questa circostanza può essere riscosso in un comunque del territorio nazionale differente rispetto a quello del luogo di emissione e la banca deve è costretta tassativamente a pagarlo nel caso la richiesta del beneficiario venga fatta entro due settimane.

Che cos’è l’assegno fuori piazza?

Un assegno può essere considerato fuori piazza anche perché può essere riscosso al di fuori del nostro paese, ma entro i confini del continente, in questa circostanza per la riscossione si hanno a disposizione circa 20 giorni. Se il pagamento avviene in un altro continente il termine previsto è di due mesi.

Se il beneficiario domanda il versamento delle somme entro i termini prefissati, la banca si trova obbligata a pagare, purché nel contro traente-emittente ci siano i fondi.

Una volta terminato il periodo indicato la banca ha l’obbligo di rifiutare il pagamento se nel conto è presente il denaro.

Altri due tipi di assegni noti sono: protestato e scoperto.

Assegno protestato cosa è?

L’assegno protestato in questione è un assegno bancario o postale che è stato trovato scoperto e sul quale la Prefettura stesso apre un procedimento sanzionatorio, dove obbliga a pagare una sanzione che va da un minimo di 516 euro ad un massimo di 6197 euro.

Assegno scoperto cosa è?

In questo caso parliamo di un assegno emesso senza disponibilità economica. Ad esempio magari una persona vi deve dei soldi, per pagarvi vi consegna un assegno e voi andate a prelevarlo. L’impiegato però, vi da una brutta notizia: sul conto del vostro debitore non ci sono i soldi per pagarvi. Questo viene chiamato assegno scoperto punibile per legge.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.