Carta di credito, cosa significa quando la clonano



Carta di credito, cosa significa quando la clonano




Utilizzare carta di credito ad oggi è una delle azioni più compiute in tutto il mondo. Da qualche anno a questa parte, tuttavia, sono aumentate notevolmente anche le clonazioni delle carte di credito mettendo a serio rischio la sicurezza di ognuno di noi. Se dall’estratto conto ci si rende conto che la carta di credito è stata clonata, la prima mossa da compiere è quella di bloccarla cosi da non far spendere nient’altro al malintenzionato.

Cosa succede se ci accorgiamo che hanno clonato la carta di credito?

Le carte di credito sono estremamente comode, consentono di non dover portar dietro grandi somme di soldi nel portafoglio e semplificano il pagamento della spesa. Ma sono anche altamente pericolose, dato che i truffatori sono pronti a clonare violando tutti i dati e utilizzandole di conseguenza per acquistare oggetti di un certo costo.

Per fortuna i danni possono essere limitati, sopratutto se ci si accorge subito che la carta di credito è stata clonata. Serve essere il più veloce possibili per intervenire. E’ possibile utilizzare anche contromisure apposite per prevenire la clonazione della propria carta di credito respingendo cosi l’assalto degli hacker. Ad esempio, si consiglia l’attivazione del servizio messaggi che notifica all’utente ogni pagamento e prelievo fatto con la carta di credito. Cosi, nel caso si riceve un messaggio vuol dire che è stato effettuato un pagamento, ma se non si è acquistato niente, vorrà dire che qualcuno ha clonato la carta.

Altro consiglio da seguire per evitare che la carta di credito clonata venga ancora utilizzata è bloccarla all’istante come già detto poco sopra. Inoltre, è consigliato acquistare solo su piattaforme sicure.




Carta di credito persa

In caso si perde la carta, o si abbia il sospetto che sia stata clonata, è bene agire immediatamente. Occorre telefonare al numero verde dell’emittente della carta e domandarne il blocco.

Una volta segnalato il furto o smarrimento all’emittente, bisogna denunciare il tutto alle forze dell’ordine entro due giorni lavorativi; la copia di tale denuncia servirà – inviata alla banca via raccomandata o consegnata a mano – per poter avere eventuali rimborsi delle somme spese senza consenso.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.