Pensione reversibilità in caso di separazione: come funziona?



Pensione reversibilità




È possibile richiedere la Pensione di Reversibilità in caso di separazione? Che cosa c’è da sapere a riguardo? Oggi ne discutiamo insieme a voi, dandovi dei consigli su come procedere. La pensione di reversibilità è un aiuto economico che si dà ai sopravvissuti del defunto. Solitamente, è destinata al familiare con il grado di parentela più stretto: dunque, possono richiederla i coniugi, i figli, i genitori, le sorelle o i fratelli del defunto. A ognuno di loro spetterà una percentuale in base a determinati fattori e inoltre in base al reddito la pensione di reversibilità si può perdere.

Pensione di Reversibilità per coniugi separati: cosa sapere?

Ma che cosa succede nel momento in cui due persone si sono separate? Come si esprime la legge a riguardo? Analizziamo la situazione.

Di seguito, vi lasciamo una Sentenza della Corte di Cassazione, la numero 9649/2015. “La Ratio della tutela previdenziale è rappresentata dall’intento di porre il coniuge superstite al riparo dall’eventualità dello stato di bisogno, senza che tale stato di bisogno divenga (anche per il coniuge superato per colpa o con addebito) concreto presupposto e condizione della tutela medesima”.

La Pensione di Reversibilità si divide tra il coniuge (in base allo stato di matrimonio) e i figli. Contrariamente ai coniugi divorziati, la cui pensione spetta solo nel caso in cui ci fosse un assegno di mantenimento, al coniuge separato la pensione è prevista ugualmente, senza obblighi. Anche quest’ultimo punto è stato stabilito dalla Corte di Cassazione.




La richiesta per la Pensione di Reversibilità

Per richiedere questo tipo di pensione dovete andare all’INPS. Sul loro sito, intanto, vi segnaliamo che potrete trovare numerose informazioni a riguardo, sulla documentazione necessaria e sugli Enti Patronali in cui potrete andare per richiederla. Troverete anche il totale che vi spetterà, che sarà calcolato sulla base di alcune informazioni e del grado di parentela, della presenza dei figli e altri fattori che rientrano nell’equazione.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.