Pagamento tasse, come e dove si pagano?



Pagamento tasse




Ogni contribuente italiano deve pagare diverse tasse: ci sono imposte locali e nazionali. Quelle locali sono Imu, Tasi e Tari: il versamento dell’Imu può avvenire in un’unica soluzione dal primo maggio ed entro il 16 giugno oppure in due rate (la prima fra il primo maggio e il 16 giugno e la seconda fra il primo e il 16 dicembre).

In questo caso, per pagarla, il contribuente dovrà compilare il modello F24 e, per farlo, ci si può avvalere dell’aiuto di un commercialista. La Tasi può essere pagata in un’unica soluzione entro il 16 giugno oppure in due rate (la prima entro il 16 giugno e la seconda entro il 16 dicembre).

Scadenza Tari

La scadenza prevista per la Tari, invece, varia da Comune a Comune ma, in genere, sono previste tre rate di cui la prima entro fine aprile, la seconda entro fine luglio e la terza entro la fine dell’anno. L’IVA è un’altra imposta che deve essere pagata da chi produce o scambia beni o servizi. Il pagamento mensile dell’IVA deve essere fatto entro il 16 del mese successivo a quello della liquidazione.

Il pagamento dell’IVA trimestrale, invece, deve essere fatto entro il 16 maggio, il 20 agosto e il 16 novembre mentre l’ultimo versamento entro il 16 marzo dell’anno successivo. Anche in questo caso i pagamenti vanno effettuati con il modello F24.




Le altre tasse a pagare

Per quanto riguarda l’IRPEF, l’IRES e l’IRAP, per il 2019 le scadenze sono fissate al 22 luglio 2019 e a seguito del Decreto Crescita, al 30 settembre 2019 per le imprese e i professionisti e i contribuenti forfettari e minimi.

Nel caso di secondo o unico acconto, la scadenza è fissata al 30 novembre.

I modelli F24 utilizzabili sono:

  • quello PDF scaricabile dal sito dell’Agenzia delle Entrate, banche o poste;
  • quello editabile direttamente online;
  • quello relativo alle accise.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%