Spese scolastiche, sono detraibili dalle tasse?



Spese scolastiche




A settembre, molte famiglie devono fare i conti con il ritorno sui banchi di scuola dei propri figli che aggrava fortemente il bilancio familiare a causa del corredo scolastico. A questo rientro si accompagnano diverse spese legate ai materiali scolastici (quaderni, penne, astucci, diari e così via), ai libri di testo, alle tasse, alla mensa o ai trasporti scolastici. Insomma, tutte queste spese incidono non poco sul bilancio di una famiglia ma, fortunatamente, ci sono delle spese scolastiche che sono detraibili dalle tasse.

Sono detraibili le spese scolastiche sostenute per la frequenza di:

  • Scuola dell’infanzia;
  • Scuole primarie e secondarie di primo grado;
  • Scuole secondarie di secondo grado.

In ogni caso queste possono essere statali, paritarie o degli enti locali.

Per l’anno d’imposta 2018 il limite di spesa per ogni studente è di 786 euro e sono detraibili le spese sostenute per:

  • le tasse di iscrizione e frequenza (si pagano per la scuola superiore dopo i 16 anni).

In questo caso, bisognerà conservare la prova del pagamento e dunque il bollettino postale o i bonifico contenente il nome del bambino, il motivo del pagamento e l’anno scolastico.

  • La mensa scolastica, anche se resa da soggetti diversi dall’istituto scolastico.

In ogni caso, occorre conservare il bollettino postale o la prova del bonifico del pagamento effettuato (se si paga direttamente alla scuola). Se, invece, si paga al Comune o con buoni pasto o in contanti, occorre un’attestazione della scuola.




  • I servizi scolastici integrativi;
  • le gite scolastiche.

Anche in questo caso, occorrerà conservare la prova del bonifico fatto alla scuola. In alternativa, se il pagamento è stato fatto in contanti o all’agenzia di viaggio, è sufficiente un’attestazione delle spese fatta dalla scuola.

  • L’assicurazione scolastica;
  • ogni altro contributo finalizzato all’ampliamento dell’offerta formativa deliberato dagli organi d’istituto (corsi di lingua, di teatro o ogni altro corso svolto anche fuori dall’orario scolastico e senza obbligo di frequenza).

Infatti, non possono essere detratti i corsi pomeridiani liberi e privati, anche se si svolgono all’interno della scuola.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.