Crisi di governo, si torna a parlare di spread



Crisi di governo




Con la crisi di governo che il nostro Paese sta attraversando nell’ultimo periodo, si torna a parlare di spread, un termine “in voga” già da qualche anno sulle pagine economiche dei quotidiani o al telegiornale. Con il termine “spread” si fa riferimento alla differenza fra i rendimenti dei titoli di Stato italiani (per convenzione, BTP a 10 anni) e i titoli di Stato tedeschi (Bund).

Aumento dello spread, cosa significa

Questa differenza ha avvertito un sensibile aumento, toccando i 240 punti percentuali e questo sta avendo non poche ripercussioni sull’economia e quindi sulle famiglie e sull’impresa. L’aumento dello spread è conseguenza dell’incertezza politica che si respira in Italia: infatti, i mercati finanziari vengono influenzati anche e soprattutto dall’andamento politico di una certa area.

Di certo la crisi di Governo in Italia, determinata dalla mozione di sfiducia a Giuseppe Conte, non poteva passare “inosservata” da questo punto di vista, causando, invece, delle conseguenze molto marcate sui mercati finanziari. Le conseguenze della crisi del Governo, poi, non hanno determinato solo un aumento dello spread ma anche cambiamenti nell’andamento della Borsa italiana.

Le conseguenze

In questo caso, infatti, le conseguenze sono allarmanti, essendosi registrati rossi del 2,3% soprattutto nei titoli bancari (le banche, infatti, sono le prime che accusano i colpi delle oscillazioni nello spread). Il Tesoro, dunque, ha fatto il pieno all’asta di BOT collocando 6,5 miliardi di titoli a un anno con rendimenti in salita.




Fitch ha invece confermato il rating BBB per l’Italia con outlook negativo indicando come in Italia conseguenze molto pesanti si avvertiranno e si avvertono per famiglie e imprese proprio a causa dell’ingente debito pubblico, della lenta crescita economica e soprattutto dell’incertezza politica. Stando all’agenzia di rating, poi, i rischi negativi per l’Italia saranno più reali qualora un futuro governo decidesse di disattendere le regole di bilancio dell’Unione Europea.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.