Spread, se ne parla tanto, ma che cos’è?



Spread, se ne parla tanto, ma che cos’è?




Oggi si sente spesso parlare di spread in Italia, ma che cos’è lo spread nello specifico? È una differenza economica tra due paesi in questione che permette di capire se un paese risulta sufficientemente affidabile per affrontare spese interne.

Cos’è lo spread

Nella sostanza, s’intende per spread la differenza tra il tasso di rendimento di un paese rispetto ad un altro. Per quanto riguarda l’Italia, lo spread si calcola considerando la Germania come suo paese corrispettivo.

Concretamente, si calcola la differenza tra i titoli di stato nell’arco di 10 anni, quindi nel caso dell’Italia si calcoleranno i BTP e si andrà ad evidenziare il divario di questi ultimi con i titoli di stato tedeschi, ovvero i “bund”.

L’Italia considera il tasso di finanziamento tedesco semplicemente perché la Germania risulta il mercato più grande all’interno dell’euro. Per questo motivo (ma anche per altre motivazioni organizzative) la Germania risulta il paese più affidabile in questo senso.




Cosa sono i titoli di stato?

Ma cosa sono i titoli di stato? Sono obbligazioni che vengono emanate per finanziare il debito pubblico e per poter svolgere a sua volta le attività statali. Per avere i titoli di stato, lo stato stesso si rivolgerà a chi possiede risparmi, per pagare interessi successivamente, rispettando naturalmente una scadenza.

Detto questo, lo spread risulta utile per comprendere l’affidabilità del mercato di una nazione, analizzando di conseguenza l’atteggiamento di chi investe. Ma perché ultimamente se ne parla così tanto?

Perché si hanno timori sulla stabilità dello stato Italiano. Questo perché i titoli di stato vengono venduti su un mercato secondario e non su quello del paese di riferimento per lo spread. Di conseguenza, il prezzo si abbassa ma il tasso di rendimento aumenta.

Si può dedurre che, in base agli investimenti effettuati, lo spread presenta notevoli conseguenze di bilancio e se andrà ad innalzarsi eccessivamente, dato che lo stato non riuscirà più a vendere nuove obbligazioni e conseguentemente a finanziare gli acquisti per coprire il debito pubblico e funzionare adeguatamente.