Ipoteca, la procedura per cancellarla



Ipoteca




Quando si parla di ipoteca, occorre distinguere fra “estinzione” e “cancellazione”. Il Codice Civile, infatti, ha previsto diversi casi che comportano l’estinzione dell’ipoteca, cioè la perdita della sua efficacia.

L’ipoteca si estingue quando:

  • il debito a cui è collegata l’ipoteca viene saldato;
  • il creditore rinuncia al credito garantito da ipoteca o rinuncia all’ipoteca;
  • decorrono venti anni dall’iscrizione dell’ipoteca senza che si sia richiesto il suo rinnovo;
  • il bene gravato da ipoteca perisce;
  • il tribunale procede all’esproprio del bene e ordina la cancellazione dell’

Invece, nel caso della cancellazione dellipoteca, questa avviene seguendo delle procedure diverse a seconda  dell’origine dell’ipoteca (si distinguono, infatti, tre tipi di ipoteche: volontarie, giudiziali o legali). Per le prime, la cancellazione può avvenire nella modalità automatica (se si tratta di un’ipoteca su un mutuo, mutui fondiari) che mediante atto notarile.

La modalità automatica è quella prevista dalla Legge 40 del 2 aprile 2007

La modalità automatica è quella prevista dalla Legge 40 del 2 aprile 2007: in pratica, per aversi la cancellazione dell’ipoteca, è necessario che la banca comunichi l’avvenuta  estinzione del mutuo all’Agenzia del Territorio (che provvederà alla cancellazione dell’ipoteca). La procedura avviene “senza alcun onere per il debitore” (come il coinvolgimento del notaio).

Nella modalità tramite atto notarile, bisognerà rivolgersi ad un notaio che procederà alla redazione di un atto notarile unilaterale, il cosiddetto “atto di assenso alla cancellazione di ipoteca”. Il creditore che lo sottoscrive, dichiara di essere favorevole all’annullamento dell’iscrizione dell’ipoteca a proprio favore.




Le spese, in questo caso, sono a carico del debitore (sia quelle notarili sia quelle sostenute dalla banca per l’intervento del proprio procuratore). Per quanto riguarda le ipoteche giudiziali, queste vengono iscritte su provvedimento del giudice e dunque, per avere la cancellazione, bisognerà attendere l’eventuale dichiarazione di rinuncia da parte del creditore.

In questo caso, bisognerà completare una procedura presso il Tribunale che consenta di disporre di un ordine di cancellazione emesso dal magistrato.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.