Coronavirus, in default diverse aziende italiane      



Coronavirus




L’epidemia di Coronavirus sta avendo delle ripercussioni molto importanti non solo dal punto di vista sociale ma anche economico: stando ad uno studio, se l’epidemia non dovesse fermarsi entro metà anno, un’azienda italiana su 10 sarà costretta al default. Lo studio in questione, “Impact of the Coronavirus on the Italian non-financial corporates”, è stato condotto dalla Cerved Rating Agency, un’agenzia di rating che valuta 25000 aziende italiane e che ha ipotizzato due possibili scenari per queste.

Il primo scenario è quello che potrebbe verificarsi

Il primo scenario è quello che potrebbe verificarsi se l’epidemia di coronavirus dovesse perdurare fino a metà anno: stando alle stime, la probabilità di default per le aziende italiane, aumenterebbe dal 4,9% al 6,8%. Il secondo scenario è quello più preoccupante che potrebbe verificarsi se l’emergenza non si arrestasse entro l’anno: in questo caso, la probabilità di default per le aziende italiane potrebbe salire fino al 10,4%.

Dunque, il futuro delle aziende italiane dipenderà dalla durata dell’epidemia e da come verrà gestita. A risentire di più degli effetti del Coronavirus saranno soprattutto le aziende del settore manifatturiero tessile, dei trasporti e del turismo. Queste aziende e questi settori, in realtà, stanno già riscontrando dei rallentamenti nella produzione, delle chiusure temporanee forzate e una diminuzione dei margini.

La ricerca condotta da Ref Ricerche

Anche un’altra ricerca condotta da Ref Ricerche, evidenzia che le ripercussioni economiche in Italia sono strettamente legate all’evoluzione dell’epidemia; tuttavia, considerando che la Lombardia e il Veneto sono state le due regioni che sin dall’inizio hanno risentito di più del virus (per via dei blocchi di contenimento alle attività che sono partiti prima rispetto alla altre regioni d’Italia), è prevedibile che si riscontrerà una flessione per l’intera economia.




Infatti, Lombardia e Veneto rappresentano da sole il 31% del PIL italiano: anche una sola contrazione del 10% in queste due regioni, potrebbe comportare un calo del PIL italiano fino al 3%.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.