Coronavirus, come poter rilanciare l’indotto del turismo e dei prodotti



Coronavirus




In Italia, l’emergenza Coronavirus sta avendo diverse ripercussioni: a seguito del lockdown dichiarato dal premier Conte, molte attività commerciali hanno dovuto chiudere così da ribadire in maniera ancora più forte l’importanza di rimanere a casa per evitare la possibilità di contagi. Le conseguenze dell’epidemia riguardano non solo il tessuto sociale (perché la gente ha dovuto modificare le proprie abitudini di vita e ridurre le occasioni di incontro per limitare la diffusione del virus) ma anche l’aspetto economico, con settori che sono stati messi “in ginocchio” da questa pandemia globale.

Secondo uno studio recente

Secondo uno studio recente, se l’epidemia di Coronavirus perdurerà per tutto l’anno, un’azienda italiana su 10 finirà in default: uno scenario preoccupante a cui si auspica che verrà trovata presto una soluzione.

Fra i settori che più stanno risentendo (e risentiranno delle ripercussioni del virus, se l’epidemia dovesse durare ancora per molto tempo) ci sono: quello manifatturiero tessile, quello dei trasporti e quello del turismo. Il settore del turismo, centrale in Italia, stando alle stime del Centro Studi di Confimprese Turismo Italia, ha perso oltre 200 milioni di euro in una sola settimana e le statistiche, se l’epidemia del virus dovesse ancora continuare, evidenziano che la perdita netta del comparto potrebbe attestarsi fra i 5 e gli 8 miliardi di euro.

Rilanciare l’indotto

Ecco perché si stanno ipotizzando delle soluzioni per rilanciare l’indotto ed in particolare i settori del turismo e dei prodotti. Il Ministro dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, Dario Franceschini, ha dichiarato che per il turismo in Italia sono previste tre fasi:




  1. la dilazione dei pagamenti;
  2. le misure strutturali di intervento;
  3. fase di rilancio dell’immagine del Paese per uscire dalla crisi.

Per il momento, per fronteggiare le tante cancellazioni di viaggi ci sono delle iniziative come ad esempio “Alpitour è con te” per dare sostegno alle agenzie turistiche, dando la possibilità di annullare le vacanze prenotate, in qualsiasi momento, per qualunque motivo e senza alcuna penale.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.