Recessione, come chiudere una partita iva



Recessione




La recessione è quel periodo in cui l’economia di un Paese si trova in difficoltà: una volta raggiunta una certa capacità produttiva, lo Stato non è più in grado di sfruttarla completamente (ad esempio perché la domanda di beni e servizi è diminuita). Per stabilire se un Paese si trova in recessione, si fa riferimento al PIL: se questo è negativo per due trimestri consecutivi, allora il Paese si trova in recessione e le conseguenze possono essere, ad esempio, un aumento della disoccupazione (per via della riduzione della produzione), una riduzione degli investimenti (per via dell’aumento della sfiducia sui mercati finanziari) e un aumento del costo della vita.

Emergenza Coronavirus

Quello attuale è un periodo in cui l’Italia sta sperimentando, insieme al resto del mondo, una fase di recessione scatenata soprattutto dall’emergenza Coronavirus che ha spinto molti governi a decretare il lockdown cioè un fermo di diversi settori produttivi. Il Presidente Conte ha recentemente dichiarato la chiusura di tutte quelle fabbriche che non abbiano fini strategici: da questo si determinerà una riduzione della produzione, ovviamente. In questa fase così delicata dell’economia italiana, molti lavoratori con Partita IVA stanno valutando l’ipotesi di chiuderla.

Se si è un libero professionista, la procedura di chiusura della Partita IVA è gratuita: è necessario compilare il modello AA9/12 e, entro 30 giorni dalla data di cessazione dell’attività, presentarlo

  • presso la sede territoriale dell’Agenzia delle Entrate in duplice copia cartacea;
  • via raccomandata (con in allegato copia del documento di riconoscimento);
  • telematicamente dal sito dell’Agenzia delle Entrate (magari con il supporto di un commercialista).

Bisogna comunicare la cessazione della Partita IVA alla gestione previdenziale di appartenenza (ad esempio INPS o Cassa Nazionale dei Dottori Commercialisti). Nel caso della ditta individuale, invece, la chiusura deve essere comunicata alla Camera di Commercio del territorio di riferimento (ad un costo di 18 euro di diritti e 17,50 di marca da bollo).





Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.