Recessione, cosa accade se si chiudono le fabbriche



Recessione




Si sente sempre più parlare di recessione economica, quel fenomeno che avviene in un Paese quando questo, una volta raggiunta una certa capacità produttiva, non riesce più a sfruttarla completamente (ad esempio perché la domanda di beni e servizi diminuisce). Questo fenomeno economico è il contrario della crescita economica che si verifica quando in un Paese si sviluppano diversi settori e come conseguenze positive si hanno aumento della ricchezza, dei consumi e della produzione di beni e servizi.

Unità di misura della recessione di un Paese il PIL

Si prende come unità di misura della recessione di un Paese il PIL: se questo è negativo per due trimestri consecutivi, vuol dire che lo Stato sta attraversando una recessione. A seguito dell’emergenza Coronavirus che sta andando avanti già da diversi mesi, l’economia mondiale sta attraversando una profonda recessione caratterizzata da una crescita sotto lo zero.

Uno scenario preoccupante è quello che prevede una recessione globale con una crescita globale nel 2020 fra il -1,5 e 0,5%. La recessione è già in atto in Cina ma anche in Europa e negli Stati Uniti: per cercare di arginare la situazione non sono sufficienti neanche le politiche monetarie per via del crollo delle Borse e dell’allargamento dello spread.

In Italia, per arginare i contagi, Conte ha annunciato la chiusura di molte fabbriche, eccetto quelle strategiche: questo sta comportando la riduzione della produzione (con il solo aspetto positivo della riduzione dell’inquinamento). Uno degli aspetti peggiori di questa crisi che sta colpendo l’Italia è il calo della produzione della manifattura (da cui deriva circa il 20% del PIL del nostro Paese) e il conseguente calo di esportazioni.




Stando a quanto dichiarato da Mark Zandi di Moody’s Analytics, l’Italia ha pochissimo spazio di manovra in termini di politica monetaria e fiscale e dunque, per poter ridurre le conseguenze drammatiche di questa recessione, deve impegnarsi a contenere il contagio e ad essere trasparente con i cittadini.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.