Bollette utenze, sono sospesa durante l’emergenza coronavirus?



Bollette utenze




Sulla sospensione o meno delle bollette e delle utenze a causa dell’emergenza del Coronavirus, si stanno succedendo diverse notizie, alcune vere e alcune false. Va ricordato che è bene andare sui siti ufficiali per conoscere le normative e soprattutto se si rientra in determinate categorie per capire se ad esempio si rientra nel bonus 600 euro emanato nel decreto Cura Italia.

Il decreto del 2 marzo

Quello che è certo è che con il decreto del 2 marzo del Presidente del Consiglio è stata disposta la sospensione del pagamento delle utenze di luce, gas, acqua e rifiuti (e anche del Canone Rai), fino al 30 aprile, solo per gli 11 comuni della ex Zona Rossa (Bertonico, Casalpusterlengo, Casterlgerundo, Castioglione D’Adda, Codogno, Fombio, Maleo, San Fiorano, Somaglia, Terranova dei Passeggini in Lombardia e Vo’ in Veneto).

L’Autorità per l’energia, le reti e l’ambiente (Arera) stabilirà, entro il prossimo 30 giugno, le modalità di rateizzazione delle fatture e degli avvisi di pagamento sospesi a causa dell’emergenza ed individuerà, “ove opportuno, anche le modalità per la relativa copertura nell’ambito delle componenti tariffarie senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica”.

Dunque, la sospensione delle bollette e utenze è stata disposta soltanto per questi 11 comuni e non è stata estesa al resto dell’Italia, nemmeno con i decreti emanati in momenti successivi, anche se il Codacons ha lanciato la proposta al Governo di sospendere il pagamento delle bollette, fino al 30 settembre, per tutta Italia.




Procedure di sospensione

Arera ha anche stabilito che tutte le eventuali procedure di sospensione delle forniture di energia elettrica, gas e acqua per morosità, di famiglie e piccole imprese, sono state rimandate dal 10 marzo al 3 maggio 2020: in questa data, il fornitore interessato a disalimentare o a ridurre la fornitura del cliente moroso dovrà riavviare la relativa procedura di sospensione e procedere nuovamente alla sua costituzione in mora.

La proroga riguarda, in particolare:

  • per l’elettricità, tutti gli utenti in bassa tensione;
  • per il gas, tutti gli utenti domestici e quelli non domestici il cui consumo annuo non superi i 200.000 smc;
  • per il servizio idrico, tutti gli utenti indistintamente.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.