Bonus 600 euro, quanto dureranno?



Bonus 600 euro




Diverse categorie di lavoratori possono richiedere il bonus da 600 euro, una misura prevista dal decreto “Cura Italia” per fronteggiare la crisi economica che si è venuta a creare con l’emergenza Coronavirus.

La misura sarà una tantum

Stando alle parole del Presidente dell’INPS Pasquale Tridico, la misura “sarà una tantum e si riferisce per adesso soltanto al mese di marzo”: infatti, i soggetti che hanno i requisiti per poterlo richiedere, possono fare domanda del bonus tramite il sito dell’INPS a partire dal 1° aprile e fino al 30 aprile 2020.

Secondo le previsioni, i soldi verranno erogati entro al massimo un mese dalla richiesta, probabilmente sul conto corrente bancario (per chi lo possiede) o in contanti (per chi non abbia il conto corrente). Ad ogni modo, i lavoratori che possono beneficiare di questo bonus sono:

  • liberi professionisti con Partita IVA attiva alla data del 23 febbraio 2020 (compresi i lavoratori che partecipano a studi associati o società semplici con attività di lavoro autonomo, iscritti alla Gestione Separata dell’INPS);
  • collaboratori coordinati e continuativi con rapporto attivo al 23 febbraio 2020 ed iscritti alla Gestione Separata dell’INPS;
  • lavoratori autonomi iscritti alle Gestioni Speciali dell’Assicurazione Generale Obbligatoria;
  • lavoratori dipendenti stagionali del settore turismo e degli stabilimenti termali, il cui rapporto di lavoro sia cessato in modo non volontario nel periodo dal primo gennaio 2019 al 17 marzo 2020;
  • operai agricoli a tempo determinato e altre categorie di lavoratori iscritti negli elenchi annuali che possano far valere almeno 50 giornate di effettivo lavoro agricolo dipendente e non siano titolari di pensione;
  • lavoratori dello spettacolo iscritti al Fondo Pensioni Spettacolo con almeno 30 contributi giornalieri nel 2019 e reddito inferiore a 50.000 euro, non titolari di un trattamento pensionistico diretto né di rapporto di lavoro dipendente alla data del 17 marzo 2020;
  • professionisti iscritti alle Casse Previdenziali Autonome (come avvocati, commercialisti, giornalisti, architetti, ingegneri e così via) che possiedano determinati requisiti





Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.