Donazioni ad enti, sono tassate oppure no?



Donazioni




Nel Decreto Cura Italia, che racchiude oltre che il bonus 600 euro  anche le misure emanate a sostegno di famiglie e lavoratori per fronteggiare le difficoltà generate dall’emergenza Coronavirus, sono state previste delle agevolazioni per tutti coloro che stiano facendo delle donazioni per combattere questa emergenza. Le donazioni a cui si fa riferimento sono le erogazioni liberali fatte da persone fisiche e da enti non commerciali, in denaro o in natura, a favore di Stato, regioni, enti locali territoriali o istituzioni pubbliche, di fondazioni e associazioni legalmente riconosciute senza scopo di lucro, finalizzate a finanziare gli interventi in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Articoli 3 e 4 del decreto del Ministro del Lavoro

Per le donazioni in natura, la determinazione del valore segue le disposizioni contenute negli articoli 3 e 4 del decreto del Ministro del Lavoro e delle politiche sociali del 28 novembre 2019.

All’articolo 66 del Decreto Cura Italia viene stabilito che le persone fisiche e gli enti non commerciali possano beneficiare di detrazioni IRPEF del 30% per le erogazioni liberali fino a 30.000 euro, fatte nel 2020. Sono stati disposti anche degli incentivi fiscali per le imprese che effettuano delle donazioni, in denaro o in natura, sempre a sostegno delle misure di contrasto dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 effettuate nel 2020: per tali erogazioni liberali, i titolari del reddito di impresa (imprenditori individuali, società di persone, società di capitali, enti commerciali, stabili organizzazione di soggetti non residenti) hanno diritto alla deducibilità ai fini IRAP.

Per quanto riguarda la tassazione di queste donazioni, è stato stabilito che non sono soggetti all’imposta i trasferimenti a favore dello Stato, delle regioni, delle province e dei comuni, né quelli a favore di enti pubblici e di fondazioni o associazioni legalmente riconosciute che hanno come scopo esclusivo l’assistenza, lo studio, la ricerca scientifica, l’educazione, l’istruzione o altre finalità di pubblica utilità. Considerando che le erogazioni liberali fatte per fronteggiare e contenere l’emergenza Coronavirus rientrano tra le finalità di pubblica utilità, è prevista per loro l’esenzione dall’imposta.





Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.