Bonus ristrutturazione 110, chi lo può richiedere



Bonus ristrutturazione




Il Bonus ristrutturazione 110 si rivolge a tutti quei soggetti che, tra il primo luglio 2020 e il 31 dicembre 2021, effettuino interventi di efficientamento energetico o di riduzione del rischio sismico alle proprie abitazioni.

Detrazioni fiscali e bonus ristrutturazione

E’ prevista una detrazione fiscale del 110% o un contributo sotto forma di sconto in fattura da parte del fornitore che può essere recuperato come credito di imposta cedibile ad altri soggetti (comprese banche e intermediari finanziari) o per la trasformazione in un credito di imposta.

Negli interventi di riqualificazione energetica rientrano quelli che riguardano l’isolamento termico o la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti; la riduzione del rischio sismico, invece, può avvenire mediante lavori di messa in sicurezza statica delle parti strutturali degli edifici o che determinino il passaggio ad una o due classi di rischio inferiori.

Possono godere dei benefici anche coloro che provvedano all’installazione di pannelli fotovoltaici o di colonnine per la ricarica di veicoli elettrici. L’installazione di tali impianti deve avvenire contestualmente ad uno degli interventi di riqualificazione energetica o di miglioramento sismico di una o due classi.




I soggetti che possono richiedere il Bonus ristrutturazione 110 sono:

  • il proprietario o il nudo proprietario;
  • i titolari di diritti reali (usufrutto, uso, abitazione o superficie) per i quali si effettuano i lavori e che ne sostengono le spese;
  • l’inquilino o il comodatario;
  • i soci di cooperative;
  • i soci delle società semplici;
  • gli imprenditori individuali (per gli immobili che non rientrano fra quelli strumentali o merci).

Inoltre, se hanno sostenuto le spese e sono intestatari di bonifici e fatture, possono beneficiare della detrazione del 110%, anche:

  • il familiare convivente del possessore o detentore dell’immobile oggetto dell’intervento (vale a dire il coniuge, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado) e il componente dell’unione civile;
  • il coniuge separato a cui è stato assegnato l’immobile intestato all’altro coniuge;
  • il convivente more uxorio, non proprietario dell’immobile sul quale vengano fatti gli interventi né titolare di un contratto di comodato.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.