Bonus ristrutturazione 110, come fare per richiederlo






Il Bonus ristrutturazione 110 è una delle misure previste dal Decreto Rilancio che consiste in una detrazione fiscale del 110% per i contribuenti che effettuino, tra il primo luglio 2020 e il 31 dicembre 2021, interventi di efficientemente energetico e riduzione del rischio sismico ai propri immobili (adibiti ad abitazione principale).

Si può usufruire della detrazione fiscale anche nel caso di installazione di impianti solari fotovoltaici (con un massimo di spesa di 48000 euro) o di colonnine per la ricarica di veicoli elettrici. In questo caso, però, è necessario che le installazioni degli impianti avvengano contestualmente allo svolgimento di altri interventi previsti dal Bonus.

Richiedere il Bonus ristrutturazione 110

Per richiedere il Bonus ristrutturazione 110 è necessario presentare un’opportuna documentazione:

  • asseverazione di un tecnico abilitato o dichiarazione resa dal direttore dei lavori (che attesti che l’intervento è stato svolto rispettando i requisiti tecnici richiesti);
  • attestato di prestazione energetica (APE), per ottenere i dati riguardanti l’efficienza energetica dell’edifico.

Questo attestato non è richiesto nel caso di alcuni interventi (come la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione).




In ogni caso, per beneficiare del Bonus è necessario dimostrare di aver migliorato l’efficienza energetica dell’edificio di almeno due classi oppure che lo stesso abbia raggiunto la classe energetica più alta.

  • Scheda informativa relativa agli interventi realizzati.

Oltre alla documentazione per richiedere il Bonus, sono importanti le modalità con cui vengono pagati i diversi interventi effettuati.

A tal proposito, è essenziale ricorrere ai bonifici bancari o postali, indicando la causale del versamento, il codice fiscale del soggetto beneficiario della detrazione, il numero di partita IVA o il codice fiscale del soggetto a favore del quale è stato eseguito il bonifico (cioè la ditta o il professionista che ha effettuato i lavori).

Infine, entro 90 giorni dalla fine dei lavori, bisogna inoltrare telematicamente all’ENEA la scheda informativa relativa agli interventi realizzati nonché i dati circa l’efficienza energetica contenuti nell’APE.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.