Bonus 1000 euro, come si fa la domanda



Bonus 1000 euro




A causa dell’emergenza Coronavirus, il Decreto Rilancio del 19 maggio 2020 ha previsto la possibilità, per i lavoratori autonomi con partita IVA iscritti all’INPS, di richiedere un Bonus da 1000 euro.

In particolare, possono richiede il bonus 1000 euro:

  • i liberi professionisti titolari di partita IVA attiva alla data di entrata in vigore del Decreto, iscritti alla Gestione Separata INPS, non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie.

Questi devono dimostrare di aver subito una riduzione di almeno il 33% del reddito nel secondo bimestre 2020, rispetto al reddito del secondo bimestre 2019.

  • I lavoratori co.co.co. che abbiano cessato il rapporto di lavoro alla data di entrata in vigore del Decreto;
  • i lavoratori dipendenti stagionali del settore turismo e degli stabilimenti termali che abbiano cessato involontariamente il rapporto di lavoro nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 17 marzo 2020;
  • i lavoratori in somministrazione, impiegati presso imprese utilizzatrici operanti nel settore del turismo e degli stabilimenti termali, che abbiano cessato involontariamente il rapporto di lavoro nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 17 marzo 2020.

I lavoratori che hanno richiesto il Bonus da 600 euro

I lavoratori che hanno richiesto il Bonus da 600 euro nei mesi di marzo e aprile, riceveranno automaticamente il Bonus da 1000 euro. Invece, i liberi professionisti con partita IVA, non iscritti alle Casse di previdenza, dovranno presentare apposita domanda per richiedere il Bonus da 1000 euro utilizzando la procedura telematica sul sito dell’INPS attiva a partire dal 19 giugno 2020.

Dovranno accedere al portale con PIN INPS, SPID, Carta Nazionale dei Servizi o Carta di Identità Elettronica. Dovranno entrare nella sezione “Prestazioni e servizi” – “Domande per prestazioni a sostegno del reddito” – “Invio domanda”. Una volta compilati tutti i campi (come quelli relativi ai propri recapiti telefonici e l’indirizzo mail), potranno selezionare il tipo di indennità e il tipo di qualifica. Per ultimo, potranno scegliere la modalità di pagamento tra quelle proposte: accredito su conto corrente, bonifico domiciliato o accredito su IBAN area SEPA.





Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.