Recovery fund, cosa cambierà per l’economia degli italiani  



Recovery fund




Da quando è iniziata l’epidemia di Coronavirus, si sente spesso parlare di Recovery fund, la strategia pensata dall’Unione Europea per risolvere la crisi economica generatasi fra i Paesi membri a seguito dell’emergenza. Si tratta appunto di un fondo di recupero del valore di 750 miliardi di euro.

Per quanto riguarda l’Italia e il recovery fund

Per quanto riguarda l’Italia, il piano prevede quasi 209 miliardi di cui 81,4 miliardi di sussidi a fondo perduto e 127,4 miliardi di prestiti. Il presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, si è detto soddisfatto del risultato raggiunto dicendo che si tratta un risultato dell’Italia intera e non del governo o solo della maggioranza.

Il Recovery fund prevede che ogni Paese presenti un piano triennale (2021-2023) cioè indichi come verranno investiti i soldi. A tal riguardo il Presidente Conte ha detto che i piani saranno approvati dal Consiglio a maggioranza qualificata ma i singoli esborsi saranno decisi dalla Commissione Europea.

Recovery plan nazionale

Prima di novembre, dunque, l’Italia dovrà presentare un Recovery plan nazionale e la Commissione europea dovrà accertarsi che sia in linea con le raccomandazioni dell’Unione Europea. La Commissione avrà due mesi di tempo per decidere e, su sua proposta, il piano dovrà essere approvato a maggioranza qualificata dal Consiglio.




Se, tuttavia, uno Stato membro ritiene che ci siano “gravi scostamenti dal soddisfacente conseguimento dei pertinenti target intermedi e finali”, in via del tutto eccezionale si potrà sottoporre la questione al Consiglio europeo. Ad ogni modo, i soldi verranno ripartiti nell’arco del triennio 2021-2023 e quindi non subito: il 70% delle risorse totali verrà stanziato nei primi due anni, ovvero tra il 2021 e il 2022, mentre il restante 30% entro la fine del 2023.

Infine, ogni Paese può richiedere un anticipo del 10% con un prefinanziamento (per l’Italia si tratterebbe di un anticipo di 20,9 miliardi di euro).


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.