Segreto bancario, chi può accedere al conto corrente



Segreto bancario




Per segreto bancario si intende una forma di tutela nei confronti dei dati forniti dai clienti di banche ed istituti finanziari che si traduce nell’obbligo, da parte di coloro che lavorano in questi istituti, di non divulgare a terzi informazioni sui conti correnti dei clienti.

Segreto bancario in Italia

In Italia, a differenza di altri Paesi del mondo (come Lussemburgo, Austria,  Svizzera, Principato di Monaco, San Marino, Andorra, Bahamas e Panama), non c’è una normativa che prevede e disciplina il segreto bancario.

Va detto, però, che il segreto bancario non opera nei confronti dell’autorità giudiziaria.

Questo vuol dire che, nel caso l’autorità giudiziaria operi per la repressione di un reato, questa può ottenere le informazioni di cui necessita dalle banche, sequestrando i documenti che possono riguardare il reato e dunque accedere anche al conto corrente della persona indagata per tale reato.




Questo è quanto prescritto dall’art. 255 del Codice di Procedura Penale: “Lautorità giudiziaria può procedere al sequestro presso banche di documenti, titoli, valori, somme depositate in conto corrente e di ogni altra cosa, anche se contenuti in cassette di sicurezza, quando abbia fondato motivo di ritenere che siano pertinenti al reato, quantunque non appartengano allimputato o non siano iscritti al suo nome”.

Decreto legge semplificazioni

Tuttavia, in virtù di una direttiva introdotta recentemente nel Decreto legge semplificazioni, anche gli enti locali (Comuni e Regioni), potranno ottenere dati bancari sensibili sui cittadini.

Quindi non solo Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza ma anche Regioni e Comuni potranno accedere ai conti correnti.

La Guardia di Finanza e l’Agenzia delle Entrate, in particolare, non hanno accesso solo ai conti corrente ma anche agli altri strumenti e prodotti bancari o postali (conti deposito, le carte di credito, i prodotti finanziari, le obbligazioni e i buoni fruttiferi, oltre ai conti correnti).

E non sono tenuti a nessun preavviso perché possono richiedere i documenti alla banca o alle poste, dietro autorizzazione del Direttore centrale o regionale dell’Ente.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.