Cashback di stato, cambierà qualcosa con il governo Draghi



Cashback




Quella del Cashback di stato è stata una novità introdotta con il Governo Conte per incentivare i pagamenti con mezzi tracciabili e disincentivare così l’evasione fiscale.

Un’iniziativa iniziata con la sperimentazione natalizia partita l’8 dicembre 2020 fino al 31 dicembre 2020 e che è ripartita con il “Cashback a regime” dal primo gennaio 2021 per un semestre (fino al 30 giugno 2021) e per altri due semestri (dal primo luglio 2021 al 31 dicembre 2021 e poi dal primo gennaio 2022 al 30 giugno 2022).

Con il Cashback di stato

Con il Cashback di stato è possibile ottenere un rimborso del 10% sulle spese effettuate in negozi, bar e ristoranti, supermercati e grande distribuzione e per i servizi resi da artigiani e professionisti, pagando con carte, bancomat e con altri mezzi di pagamento tracciabili.

Sempre nel 2021 è previsto il Supercashback, un premio di 1500 euro a semestre a cui potranno ambire i primi 100 mila utenti che effettueranno il numero più alto di transazioni pagando con strumenti di pagamento elettronici.




Il Supercashback sarà valido dal primo gennaio 2021 al 30 giugno 2022 (sempre per tre semestri).

Ma cosa ne sarà di questa iniziativa (già molto apprezzata dagli utenti) con il nuovo Governo Draghi?

Due sono le possibilità:

  1. sospendere il programma del Cashback di stato, con l’obiettivo di risparmiare un po’ di risorse
  2. eliminare il Supercashback

 A quanto si vocifera, Draghi, infatti, vorrebbe destinare in maniera diversa le risorse in arrivo da Bruxelles con delle iniziative mirate a garantire l’occupazione e la crescita.

Per il Cashback sono infatti stati stanziati 5 miliardi (di cui 3 miliardi per il Supercashback) che non garantirebbero un’adeguata crescita del PIL e che quindi potrebbero essere destinati a nuovi progetti che permetterebbero all’Italia una maggiore crescita sia del PIL che dell’occupazione, ancora più frenata dall’attuale emergenza sanitaria legata all’epidemia di Coronavirus.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.