730 precompilato 2018, cosa si può detrarre dalle tasse



730 precompilato 2018, cosa si può detrarre dalle tasse




Cosa si può detrarre dal modello 730 precompilato? E’ sicuramente una delle domande che viene posta da tutti i contribuenti che sono obbligati oppure hanno intenzione di effettuare la dichiarazione dei redditi 2018. In questo articolo vedremo tutte le spese detraibile e le spese deducibile tramite il modello 730.

Le spese detraibili nel modello 730 precompliato

Prima di elencare quali sono le spese detraibili tramite il modello 730 precompilato dell’Agenzia delle Entrate, andremo a spiegare sinteticamente cosa sono le spese detraibili. Inoltre, bisogna ricordare che dal 2019, il limite di reddito dei figli a carico aumenta a 4.000€ per i figli fino a 24 anni, mentre a 2840,51 euro dai 25 anni in su.

Con il termine spese detraibili si intende tutte quelle spese che permettono di avere una detrazione fiscale. Tra le spese detraibili possiamo trovare:

  • Le spese mediche oppure spese effettuate per l’acquisto di medicinali in farmacia
  • acquisto di cani per non vedenti;
  • acquisto di veicoli per persone con disabilità;
  • Interessi su mutui
  • Tasse per l’istruzione e asili nido;
  • Costi effettuati per servizi funebri;
  • Spese per attività sportive praticate dai figli a carico;
  • Affitto per studenti universitari fuori sede;
  • Spese veterinarie;
  • Riscatto del corso di laurea dei familiari a carico;
  • Assicurazione sulla vita e contro gli infortuni

Tutte le spese elencate avranno una detrazione fiscale del 19% o del 26% nel modello 730.




Le spese deducibili nel modello 730

Le spese deducibili sono tutte quelle spese che consentono una riduzione del proprio reddito
imponibile fiscale. A differenza delle spese detraibili, quelle deducibili non viene applicata una
percentuale, ma esse vengono scaricate per il loro intero importo.

Tra le spese deducibili possiamo trovare:

  • Ticket del Servizio Sanitario Nazionale;
  • Spese mediche e di assistenza specifica per i Disabili;
  • Assistenza infermieristica;
  • Assegni periodici di mantenimento al coniuge separato o divorziato, eccetto gli assegni periodici
    di mantenimento dei figli;
  • spese per i contributi di Colf, Badanti, Baby sitter fino a 1.549,37 euro;
  • Spese dei contributi delle forme pensionistiche complementari e individuali di importo inferiore a
    5.164,57

Come si documentano le spese effettuate

Tutte le spese effettuate, devono obbligatoriamente essere documentante per poter essere inserite nel
modello 730. Per poter documentare tali spese c’è bisogno di scontrini, fatture, ricevute, ecc che
contengono i nominativi del contribuente oppure dei suoi familiari a carico fiscale.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.