Fattura elettronica, ad un mese dall’obbligo



Fattura elettronica, ad un mese dall’obbligo




Una delle novità introdotte nel 2019 è stato l’obbligo della fatturazione elettronica: è entrato in vigore dal primo gennaio 2019 e interessa il 56% delle Partita IVA e 2,8 milioni di imprese.

La misura è stata messa in atto proprio con l’obiettivo di ridurre l’evasione.

Fatturazione elettronica, una mano alla lotta all’evasione o no?

Tuttavia, in questo primo mese e mezzo dell’anno, si è fatto un bilancio di come questa iniziativa sia stata accolta da tutti coloro che hanno dovuto iniziare ad utilizzarla: si è evidenziato come ci siano delle problematiche evidenti che, forse, solo con il tempo e con l’abituarsi alla nuova procedura, potranno essere risolte.

Molte imprese, infatti, si sono trovate impreparate e nel caos: spesso, ad esempio, chi deve emettere la fattura elettronicamente si trova a dover fare i conti con dei malfunzionamenti di Internet oppure con rallentamenti dei portali (anche quello dell’Ufficio delle Entrate) e tutto questo si traduce in mancati invii, rigetti oppure rinvii dei documenti.




Cosa significa questo?

  • C’è più possibilità di errore e, ovviamente, questo si ripercuoterà sulla contabilità;
  • c’è una maggiore perdita di tempo che comporta dei costi maggiori e lunghe attese per ricevere la fattura quando si paga oppure il dover tornare per prenderla.
  • Sme.UP ha evidenziato quali siano le principali preoccupazioni delle aziende, ad un mese dall’introduzione dell’obbligo:
  • mancanza di competenze e strumenti adeguati, soprattutto per le imprese meno strutturate e meno orientate al cambiamento;
  • difficoltà nel capire se la procedura sia andata a “buon fine” o meno;
  • non sapere come gestire omaggi o altre informazioni che prima avevano degli spazi ben precisi in cui poter essere scritti sulla fattura cartacea;
  • il problema della conservazione elettronica sostitutiva.

Proprio per questo la Sme.UP ha messo a disposizione delle aziende, una sezione di “Domande e Risposte” e Video Tutorial per accompagnarle in questo cambiamento al meglio.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.