Legge 104 unioni civili, come è cambiata la legge sull’assistenza



Legge 104 unioni civili, come è cambiata la legge sull'assistenza




Con il riconoscimento delle unioni civili, diverse leggi hanno subito delle modifiche proprio per non venire meno ai diritti.
Nel caso della legge sulle unioni civili
fra persone dello stesso sesso, era inevitabile che anche per quanto riguarda la legge 104 unioni civili subisse delle modifiche.
Ricordiamo che cos’è la legge 104/92, è quella legge che permette ai lavoratori dipendenti di assistere un familiare che sia il coniuge, parenti e affini fino al
secondo grado di parentela con estensione fino al terzo, che siano colpiti da handicap gravi.
Grazie a questa legge si può usufruire di diversi permessi regolati dalla legge 104 permessi di tre giorni mensili retribuiti.
Questi permessi, infatti, nascono proprio dall’esigenza di  assistere il familiare diversamente abile

Legge 104 unioni civili cosa cambia?

Dopo la sentenza  del 5 luglio del 2016, la Corte Costituzionale ha stabilito che i benefici legge 104 siano estesi anche al compagno o compagna e
conviventi e le parti dell’unione civile stessa.
Un grande passo avanti verso la civiltà e il riconoscimento dei diritti fondamentali dell’individuo.
Da sottolineare che in questo caso i permessi sono esclusivamente legati al partner e non ai suoi parenti, quindi è possibile usufruire delle
agevolazioni legge 104 solo il compagno o la compagna.

Unioni civili e conviventi di fatto legge 104

Per quanto riguarda la legge 104 conviventi di fatto, le cose qui cambiano leggermente.
Infatti,  nel caso di un unione civile i benefici legge 104 prevedono oltre che ai tre giorni al mese anche il congedo biennale retribuito.
Diversamente per le convivenze di fatto è possibile solamente usufruire dei tre giorni mensili.
Quindi a livello di priorità le unioni civili entrano di fatto all’interno della cerchia relativa a tutti i benefici e i beneficiari della legge 104.

Ricordiamo che se è vero che la legge non indica che chi usufruisce di permessi retribuiti legge 104 debba obbligatoriamente assistere la persona
diversamente abile nelle ore in cui avrebbe dovuto lavorare, questo non implica che quei giorni possano essere utilizzati come giorni di ferie e quindi fare altre cose
come viaggi, vacanze o simili. Inoltre, e la legge è chiarissima su questo, nel caso il beneficiario della legge 104 venisse trovato all’estero  o in viaggio di piacere, risponderebbe di truffa con tutte le conseguenze penali del caso.




Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.