Agenzia delle entrate lavori ristrutturazione, tutte le detrazioni



Agenzia delle entrate lavori ristrutturazione, tutte le detrazioni




Se si ha in mente di voler fare delle ristrutturazioni per la propria casa, allora questo è il momento giusto. Il motivo è dato dalla disponibilità dell’ Agenzia delle Entrate che darà la possibilità di usufruire di una detrazione del 50% inserendo le spese nel modello 730. Tutto questo per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici non inferiori alle classi A e A+, proprio per rendere i lavori meno pesanti per i contribuenti.

Gli importi sono stati decisi a giugno del 2013 ma con varie proroghe si è arrivati fino ad oggi, dunque, fino a dicembre 2018 si ha la possibilità di avere un massimo di spesa di 96.000 euro per ciascun immobile. Da gennaio 2019 però, si tornerà al 36% per un massimo di 48.000 euro ad immobile.

Agenzia delle entrate, chi può usufruire delle detrazioni

Quando si parla di lavori domestici o di acquisti di nuovi mobili o elettrodomestici, con la detrazione dell’Agenzia delle entrate,  si vuol fare riferimento a tutti coloro che hanno l’imposta sul reddito, che siano residenti o meno dello Stato. Questo tipo di agevolazione inoltre non riguarda solo chi ha un immobile di proprietà ma anche chi ha dei diritti reali di godimento sui beni immobili e che ne sosterranno le spese anche i proprietari ovviamente.

Agevolazioni ristrutturazioni Agenzia delle Entrate, quali interventi sono previsti

Gli interventi previsti per poter avere delle agevolazioni dall’agenzia delle entrate, quindi quelli previsti
dalla legge, sono quelli di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo ed infine
ristrutturazione edilizia.




Per quanto riguarda però le agevolazioni previste dall’Agenzia delle Entrate per gli interventi di adozione
di misure antisismiche, prevede delle detrazioni più elevate che arrivano fino all’85% e se ne potrà
usufruire fino al 31 dicembre del 2021. Si tratta del famoso “sisma – bonus”. Non resta altro quindi, che
scegliere gli interventi da adottare per la propria abitazione, per poi richiedere le agevolazioni
all’Agenzia delle Entrate, dimostrando le motivazioni e le spese avvenute per il restauro e non solo dei
propri immobili.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.