Superbonus, come si rientrerà della somma investita



Superbonus




A seguito dell’emergenza Coronavirus, il Governo ha varato diverse misure a sostegno delle imprese e delle famiglie che hanno risentito delle conseguenze negative, dal punto di vista economico, che il virus ha causato.

Superbonus e detrazione 110%

Una di queste misure, previste dal Decreto Rilancio, è il Superbonus che prevede una detrazione del 110% per le spese sostenute per chi svolge lavori di riqualificazione energetica e riduzione del rischio sismico a partire dal primo luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021.

Nell’ambito di questa misura sono stati definiti degli interventi “trainanti” e altri “trainati”: questi ultimi danno diritto alla detrazione del 110% soltanto se svolti congiuntamente ai primi.

Il rimborso avverrà in 5 anni

Il rimborso avverrà in 5 anni in quote di uguale importo. Oltre alla detrazione, si può usufruire del Bonus tramite:




  • lo sconto in fattura da parte del fornitore: cioè uno sconto su quanto dovuto, fino ad un importo massimo pari al corrispettivo stesso, che viene anticipato dalla impresa che ha svolto gli interventi sugli immobili e che quest’ultima recupera sotto forma di credito di imposta pari alla detrazione spettante con la possibilità di successiva cessione del credito ad altri soggetti (compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari);
  • la cessione del credito, con cui il contribuente può cedere la detrazione fiscale maturata ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari.

Il contribuente può decidere di optare per una di queste due soluzioni anche a fine lavoro o durante i lavori.

Nel caso di un condominio, quando più persone hanno diritto alla detrazione, ogni contribuente può decidere autonomamente se optare per la cessione del credito o per lo sconto in fattura.

Comunque, nel caso si sia scelta la cessione della detrazione, deve essere data comunicazione telematica al sito dell’Agenzia delle Entrate oppure rivolgersi ad un CAF o un professionista abilitato.

Si occupa di questa comunicazione l’amministratore di condominio se in un condominio tutti i condomini hanno scelto la cessione.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.