Bonus mobili, di cosa si tratta nello specifico



Bonus mobili




Il Bonus mobili prevede una detrazione del 50% per chiunque acquisti mobili ed elettrodomestici a seguito di lavori di ristrutturazione edilizia o manutenzione di un immobile. Il bonus prevede il rimborso della metà delle spese sostenute nel periodo fra il primo gennaio e il 31 dicembre 2019, fino ad un massimo di 10000 euro.

I lavori di ristrutturazione edilizia

I lavori di ristrutturazione edilizia che danno diritto al Bonus mobili sono quelli che riguardano:

  • manutenzione ordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia su singoli appartamenti.
  • ricostruzione o ripristino di un immobile danneggiato a seguito di calamità naturali, se è stato dichiarato lo stato di emergenza;
  • restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia, riguardanti interi fabbricati, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie che entro 18 mesi dal termine dei lavori vendono o assegnano l’immobile;
  • manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia su parti comuni del condominio.

Oltre ad essere indispensabile aver effettuato lavori di ristrutturazione in casa o in condominio, è necessario aver sostenuto delle spese per mobili ed elettrodomestici.

I mobili e arredi ammessi alla detrazione sono:

  • letti
  • armadi
  • cassettiere e librerie
  • scrivanie
  • tavoli e sedie
  • comodini
  • divani e poltrone
  • credenze
  • materassi
  • apparecchi di illuminazione

Non sono ammessi in detrazione porte, pavimentazioni, tende e tendaggi e altri complementi di arredo. Gli elettrodomestici ammessi alla detrazione sono quelli piccoli e grandi di classe energetica non inferiore ad A+ (A per i forni), come:




  • frigoriferi e congelatori
  • lavatrici e asciugatrici
  • lavastoviglie
  • apparecchi per la cottura
  • stufe elettriche
  • forni a microonde e piastre riscaldanti elettriche
  • apparecchi elettrici e ventilatori elettrici
  • apparecchi per il condizionamento

Il Bonus mobili si può richiedere indicando nella dichiarazione dei redditi le spese sostenute per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici, pagate con bonifici, carte di credito o debito. Per tutte le spese sostenute nel 2019, il rimborso sarà riconosciuto a partire dal 2020 in dieci rate annuali di pari importi.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





4 Trackbacks / Pingbacks

  1. Bonus Mobili, prorogato per tutto il 2020
  2. Bonus mobili, come fare per richiederlo
  3. Bonus mobili, quando deve essere presentato?
  4. Bonus mobili, spetta a tutti oppure no?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.