Costituire un’associazione culturale e le agevolazioni che esistono



Costituire un’associazione culturale e le agevolazioni che esistono




Quando vogliamo costituire un’associazione culturale, si va incontro a delle agevolazioni fiscali, per goderne, però ci sono delle adempienze sostanziali a cui non possiamo assolutamente venire meno. Il tutto per poter svolgere al meglio l’attività e senza problemi di burocrazia, andiamo a scoprire insieme quali sono.

Elementi fondamentali per la costituzione di un’associazione culturale

Per aprire un’ associazione culturale il primo è senza dubbio la richiesta del codice fiscale dell’associazione, fondamentale step che ci permetterà di proseguire con i nostri scopi. C’è poi la registrazione dell’Atto Costitutivo e Statuto, entro venti giorni dalla costituzione dell’associazione.

Bisogna poi inviare il Modello EAS all’Agenzia delle Entrate che è un modello in cui si esplicano tutte le informazioni inerenti all’associazione, anche e soprattutto a livello fiscale e deve essere comunicata ogni possibile variazione. Il modello perde di valenza ogni anno e deve essere inviato nuovamente

Si passa poi alla nomina del Responsabile della Prevenzione e Protezione dei Rischi (RSPP), entro novanta giorni dall’inizio di qualsiasi attività. Questa figura deve occuparsi di una serie di provvedimenti, come l’individuazione dei rischi e delle misure di sicurezza.




Si effettueranno poi versamenti delle ritenute operate, presentazione del modello 770 all’Agenzia delle Entrate, che contiene i vari tipi di redditi devoluti all’associazioni durante l’anno solare precedente.

E l’aggiornamento e compilazione dei libretti sociali. Il libro verbali assemblee, in cui devono essere trascritti tutti i verbali delle assemblee ordinarie e straordinarie dei soci; che è sostanzialmente il registro in cui sono annotati tutti i componenti dell’associazione; il libro verbali del consiglio direttivo, in cui sono trascritte tutte le deliberazioni del consiglio direttivo.

Altri adempimenti da dover seguire per l’apertura di un’associazione culturale

Ci sono altri adempimenti però per poter aprire un’associazione culturale e questi sono: Pagamento del
canone RAI; pagamento SIAE; approvazione del rendiconto economico-finanziario da parte
dell’assemblea sociale ordinaria; eventuale rendiconto di ogni raccolta fondi organizzata; presentazione
Modello Unico ENC all’Agenzia delle Entrate, (ENC: Enti Non Commerciali ed equiparabili), che serve alla
presentazione dei redditi e dell’IVA della nostra associazione; annotazione dei movimenti contabili
dell’Ente.

Ci sono quindi un bel po’ di scadenze e di “scartoffie” da compilare, il nostro suggerimento è quello di tenere un’agenda a parte per queste cose, in modo da non tralasciare niente, essere perfettamente in regola e poter usufruire di tutte le agevolazioni fiscali che vi spettano.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.