Associazione culturale, si può avere un bar in sede?



Associazione culturale,




Le associazioni culturali sono disciplinate dal Codice Civile nella sezione degli enti non commerciali proprio perché devono perseguire con ogni mezzo il loro scopo sociale.

Associazione culturale e attività di vendita

Le attività che si possono svolgere al suo interno sono, ad esempio, quelle che si riferiscono alla creazione, produzione, distribuzione, conservazione, tutela del Patrimonio culturale, naturalistico e immateriale italiano.

Tuttavia, in un’associazione culturale si può avere un bar in sede purché questa non diventi l’attività principale dell’associazione (che deve rimanere quella istituzionale).

L’attività di somministrazione di bevande e alimenti deve cioè rimanere strumentale a quella istituzionale dell’associazione.




Stando all’art, 148 Tuir “non si considerano commerciali, anche se effettuate verso pagamento di corrispettivi specifici, la somministrazione di alimenti e bevande effettuata, presso le sedi in cui viene svolta lattività istituzionale, da bar ed esercizi similari, [] sempreché le predette attività siano strettamente complementari a quelle svolte in diretta attuazione degli scopi istituzionali e siano effettuate nei confronti dei soci e soggetti equiparati.

Gli elementi necessari affinché l’attività del bar in un’associazione culturale non venga considerata di tipo commerciale sono che:

  • si abbia la sola “somministrazione” di alimenti e bevande (concetto diverso rispetto a quello di ristorazione in cui avviene la trasformazione e la manipolazione di prodotti elementari in pietanze);
  • l’attività deve essere svolta presso la sede sociale;
  • l’attività deve essere complementare alle finalità istituzionali;
  • l’attività deve essere rivolta ai soci.

Quando vengono rispettate queste condizioni, la somministrazione non viene qualificata come attività commerciale e non ci sarà l’obbligo di aprire la partita IVA (obbligatoria invece se l’attività è di tipo commerciale e la somministrazione di bevande e alimenti è rivolta anche ai non soci).

In quest’ultimo caso, infatti, serve ottenere una vera e propria licenza da parte del Comune.

Discorso a parte per la somministrazione di pasti (ristorazione) che è un’attività commerciale sia che sia rivolta ai soci che ai non soci e dunque in questo caso sarà obbligatoria l’apertura della partita IVA.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.