Sapere se si è protestati, ecco come fare



Sapere se si è protestati, ecco come fare




Può capitare che si effettuano pagamenti con titoli di credito e che, a causa di una mancata copertura dal nostro conto corrente bancario, si risulti protestati.
Ma come sapere se si è effettivamente protestati? Vediamo nello specifico come capire quando questo succede e come poter agire di conseguenza.

Come sapere se si è protestati?

Per sapere se si è protestati è opportuno consultare il registro informatico dei Protesti. Successivamente,
consultando il registro (tramite il sistema online Telemaco) si possono richiedere alcun certificati per capire se si è protestati o meno.

I certificati da poter richiedere sono due: la visura dei protesti che riguarda la denominazione del soggetto protestato ed un certificato che,
pur non contenendo nominativi, possiede indicazioni fondamentale che riguardano l’esistenza (o non esistenza) di un protesto.

Da notare che qualunque ricerca che riguarda l’esistenza di protesti a carico di un soggetto o di un’azienda verrà svolta in territorio esclusivamente nazionale.
Inoltre, le ricerche considereranno un lasso temporale di 5 anni dalla ricerca stessa.




Casi in cui si è protestati

Se dopo le ricerche si scopre di essere protestati, le banche avranno l’obbligo di riferire al soggetto che l’assegno,
cambiale o carta di credito in questione risulta protestata
. Ciò verrà comunicato tramite un preavviso e,
entro 60 giorni, il soggetto in questione può provvedere a coprire la cifra del titolo di credito protestato.

Nel caso che il soggetto non riesca a saldare il debito, esso verrà segnalato alla Centrale di Allarme Interbancaria.
Quest’ultima potrà provvedere ad eventuali pignoramenti di beni o ad ulteriore procedure legali.

Da notare, ad ogni modo, che la cancellazione dal registro dei protesti può avvenire non solo tramite l’avvenuta estinzione del debito,
ma anche per motivi legati ad illegittimità o erroneità del protesto stesso o per riabilitazioni.



Загрузка...

1 Trackback / Pingback

  1. Sapere se si è protestati, ecco come fare – Italia ok

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.