Imposta di pubblicità per le insegne, cosa c’è da sapere






Quando si vuol aprire un’attività la prima domanda che ci si pone è quella che si riferisce alle spese da sostenere, tra quelle più importanti ovviamente c’è quella della pubblicità delle insegne. La situazione è abbastanza complicata e in questo articolo approfondiremo la questione per dire addio ad ogni dubbio.

La prima cosa da fare prima di tutto, dopo aver deciso di aprire un’attività è quella di mettere in cantiere le spese, proprio come detto in precedenza e tra queste vi troviamo senza dubbio quelle di pubblicità. Queste ultime consentono di far conoscere il proprio negozio oltre al semplice passaparola della clientela.

Imposta di pubblicità per le insegne, quello che c’è da sapere

Quando su vuol pubblicizzare con le insegne il proprio negozio, è importante sapere che quando si decide di mettere delle frecce che riescano a dare indicazioni precise ai clienti, oppure quando si vogliono mettere insegne luminose, c’è una tassa da pagare.

Questa tassa si applica sulle insegne, cartelli, targhe, striscioni e tutti gli elementi che siano superiori o pari a 300 cm quadrati. Quando l’attività si trova nei pressi di un condominio, non è necessario che l’assemblea approvi l’apposizione dell’insegna, visto che la parte comune non deve subire delle eccessive modifiche o limitazione di usi da parte dei proprietari.




Dunque la prima cosa da fare è quella di informarsi sul luogo, quello dove si decide di effettuare l’apertura ed aprire le pratiche ai Comuni. Bisogna sottolineare che nonostante sugli edifici l’affissione di insegne non necessita di tasse se non richieste dal posto, se la grandezza è superiore o pari a quella citata è necessario pagare l’imposta prevista dal territorio nazionale.

Imposta di pubblicità per le insegne, chi la paga?

Quando si parla di imposta di pubblicità per le insegne è importante ricordare che chi le paga è prima di tutto l’agenzia pubblicitaria che ha i mezzi per poter diffondere appunto la pubblicità dell’insegna dell’attività.

Quindi è responsabile colui che diffonde il servizio di pubblicità, che ovviamente riverserà sul cliente che decide di voler pubblicizzare la sua attività. Il pagamento di solito viene fatto annualmente a meno che non ci siano delle modifiche particolari contrattuali.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.