Rottamazione cartelle, la prima scadenza ad ottobre



Rottamazione cartelle, la prima scadenza ad ottobre




La rottamazione cartelle è un topic sulla bocca di molti in questi ultimi tempi. Questo perché permette di estinguere i debiti pagando una cifra stabilita dall’Agenzia delle Entrate. Il processo è stato possibile conseguentemente alla decisione di condonare determinate cartelle esattoriali all’interno dell’Agenzia. Vediamo nello specifico qual è la prima scadenza da considerare.

Scadenze rottamazioni cartelle, quali sono

Innanzitutto, è opportuno assicurarsi che si è presentata la domanda di rottamazione cartelle entro il 15 di maggio 2018. Se non si è fatto in tempo, si rischia di non rientrare nella lista per la pace fiscale 2018. Tuttavia, si è diffusa una voce che specifica un’eventuale proroga per la domanda per coloro che non sono riusciti a presentarla.

Sostanzialmente, la prima scadenza da rispettare (per coloro che hanno aderito alla rottamazione delle cartelle esattoriali) è il 1° di ottobre. Le cartelle che hanno una data del 30 settembre slitteranno quindi di un giorno ed andranno al primo giorno di ottobre.

Versando la cifra comunicata dall’Agenzia delle Entrate, sarà quindi possibile estinguere tutti i debiti fiscali che si avranno accumulato durante gli anni, senza eventuali interessi o sanzioni ulteriori. Questo avverrà grazie al condono delle cartelle di cui stanno parlando in molti in questi ultimi mesi.




Ma come si paga la rottamazione cartelle? Nello specifico, si ha bisogno del bollettino Rav. Si potrà ottenere quest’ultimo con la “Comunicazione delle Somme Dovute”. Si può anche ottenere una copia sul sito web dell’Agenzia delle Entrate.

Per quanto riguarda i metodi di pagamento, è possibile farlo praticamente in ogni modo: tramite la banca, gli uffici postali, internet e sportelli bancomat. Si può anche utilizzare la piattaforma dell’Agenzia delle Entrate chiamata PagoPa, portale all’interno del sito ufficiale che permette di pagare bollettini in modo telematico.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.