Cartelle esattoriali non pagate, a cosa si va incontro



Cartelle esattoriali




I contribuenti che non hanno pagato imposte o contributi entro le scadenze, possono regolarizzare la propria posizione, procedendo al versamento di quanto dovuto più gli interessi e le sanzioni. Infatti, l’Agenzia delle Entrate, che monitoria sugli omessi pagamenti delle tasse, invia una comunicazione (l’avviso bonario) per richiedere il pagamento di quanto dovuto. Nel corso degli ultimi anni è partito anche l’iter di rottamazione cartelle esattoriali per cercare di far rientrare i contribuenti morosi.

Cartelle esattoriali, quando e perché arrivano

Se, nonostante l’avviso bonario, il contribuente non procede al versamento di quanto dovuto, avviene l’iscrizione al ruolo della cartella esattoriale cioè di quell’atto con cui Equitalia richiede il pagamento delle tasse non pagate. Dal momento in cui il contribuente riceve una cartella esattoriale, questi ha 60 giorni di tempo per pagare o richiedere la rateizzazione dell’importo dovuto.

Se il contribuente procede al pagamento anche un giorno solo dopo la scadenza, verranno calcolati sull’importo dovuto gli interessi. Può succedere, però, che il contribuente non paghi le cartelle esattoriali: a cosa va incontro in questi casi?

L’Agenzia delle Entrate può tutelare il proprio credito in due modi:

  • con il fermo auto: in un primo momento, l’Agenzia delle Entrate notifica un preavviso di fermo auto con cui intima il contribuente a pagare quanto dovuto entro 30 giorni.

Se il pagamento non avviene, il fermo viene iscritto al Pra (Pubblico Registro Automobilistico). Con il fermo, l’auto può essere venduta ma non può essere rottamata né circolare. Per impedire il fermo auto, prima di questo o anche dopo la notifica del preavviso, si può richiedere la rateizzazione.




  • con l’ipoteca, questa può essere richiesta solo se gli importi dovuti superano i 20 mila euro.

Si può iscrivere l’ipoteca anche sulla prima casa: in questo caso, la casa può essere comunque venduta ma l’acquirente ne eredita anche l’ipoteca. Prima dell’ipoteca, il contribuente riceve un preavviso e da quel momento ha 30 giorni per procedere al pagamento o richiedere la rateizzazione.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.