Rottamazione Ter per bollo e multe non pagate






La rottamazione Ter è stabilita dall’art. del Decreto Legge n. 119/2018 e prevede la Definizione agevolata dei carichi affidati all’Agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017 (Rottamazione-ter). In questo caso bisogna parlare di quelle multe e i bolli non pagati: chi aderisce alla rottamazione Ter potrà riscontrare dei vantaggi e delle agevolazioni? Di che tipo?

L’Agenzia delle Entrate ha diffuso delle direttive e sono state perciò divulgate delle informazioni molto chiare. Secondo quanto diramato, infatti, chi aderirà alla rottamazione Ter pagherà l’importo di quanto è dovuto, ma non dovrà sborsare nulla per le sanzioni o gli interessi di mora. Per le multe stradali vale più o meno lo stesso discorso, solo che in questo caso bisogna tenere in considerazione che non dovremo pagare le maggiorazioni previste dalla legge.

Rottamazione Ter, cosa succede a bollo e multe

Alcune tipologie di carichi invece vanno tenute in considerazione perché non rientrano nella Definizione agevolata. Stiamo parlando innanzitutto di quelle multe o sanzioni che devono essere pagati dall’interessato perché così stabilito da una sentenza penale di condanna; ma anche di un tipo di sanzione differente rispetto a quelle per violazioni tributarie.

Il DDL del 2018 prevede delle novità piuttosto importanti per quanto riguarda il pagamento in forma rateale. Sarà infatti disponibile un periodo più ampio per rateizzare le somme dovute, infatti potremo anche avere la possibilità di richiedere 10 rate in un tempo di 5 anni. In questo caso possono anche essere stabiliti dei giorni precisi nel corso degli anni entro i quali dovremo poi pagare la nostra quota.




Per aderire alla rottamazione Ter in questo caso è necessario agire entro il 30 aprile 2019, inviando la propria richiesta alla casella pec della Direzione Regionale di Agenzia delle entrate e alla Riscossione di riferimento, inviando il Modello DA-2018, che dovrà essere interamente compilato e poi dovremo anche allegare il nostro documento d’identità.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.