Rottamazione Ter, come aderire alle agevolazioni



Rottamazione Ter, come aderire alle agevolazioni




La rottamazione Ter consente di avere molte agevolazioni, ma ovviamente come vale per tutti gli altri incentivi è necessario aderire in qualche modo. Se ne sono dette molte sull’argomento e sono ormai in tantissimi a conoscere i vantaggi che si possono ricavare dalla rottamazione Ter, ma ecco tutta la verità per quanto riguarda il poter aderire.

A chi spetta la rottamazione

Prima di tutto è necessario almeno in parte comprendere a chi spetta la rottamazione Ter e chi può ottenere risposta affermativa nel caso, appunto, ponga la domanda. Si tratta di tutti quei cittadini che hanno cartelle esattoriali affidate all’Agente della riscossione dal primo gennaio del 2000 fino al 31 dicembre dell’anno corrente, ma anche chi ha aderito alla prima rottamazione ma non ha pagato l’importo e chi ha aderito alla rottamazione bis.

Nell’ultimo caso però bisogna risultare in regola con il pagamento di alcune specifiche rate, che vengono ovviamente specificate al momento della domanda e sullo stesso sito dell’Agenzia delle Entrate.




Come aderire alla rottamazione Ter

Fatte le dovute premesse per quanto riguarda chi può aderire, ora possiamo passare al ‘come’.

La procedura in questo senso è piuttosto semplice: è necessario compilare nel modo corretto il modulo per la domanda. E’ previsto che poi questo modulo venga consegnato entro il 30 aprile 2019 direttamente all’Agenzia delle Entrate, e l’iter prevede alcune specifiche modalità per la consegna.

Come e dove consegnare la richiesta

Difatti, se vogliamo andare di persona a consegnare possiamo farlo presso gli sportelli dell’Agenzia delle
Entrate, nello specifico al settore ‘riscossione’, ovviamente dopo aver compilato e firmato il modulo; se
vogliamo non abbiamo bisogno di farlo di persona, ma possiamo spedire attraverso una PEC il modulo
e allegare anche un documento d’identità.

Coloro che però hanno già aderito alla rottamazione bis e pagano le rate residue entro il 7 dicembre
2018
, ossia la scadenza prefissata, non hanno la necessità di presentare un’altra domanda.