730 precompilato 2019, che cos’è



730




Dal 15 aprile è disponibile online sul sito delle Agenzie delle Entrate, il modello 730 precompilato, la dichiarazione dei redditi predisposta, appunto, dall’Agenzia delle Entrate per i lavoratori dipendenti e i pensionati che è possibile scaricare per poi portare la documentazione al Caf.

Cosa c’è nel 730 precompilato

In questo documento sono già indicati una serie di dati in possesso dell’Amministrazione Finanziaria come, ad esempio:

  • i dati della Certificazione Unica, consegnata al dipendente o pensionato dal sostituto d’imposta (datore di lavoro, INPS o ente pensionistico) e inviata da quest’ultimo all’Agenzia delle Entrate, contenente il totale dei redditi percepiti nell’anno;
  • i dati relativi alle locazioni brevi (corrispettivi e ritenute) contenuti nella Certificazione Unica;
  • gli interessi passivi sui mutui, i premi assicurativi e i contributi previdenziali;
  • i contributi deducibili e/o detraibili;
  • le spese sanitarie;
  • le spese per la frequenza degli asilo nido;
  • le erogazioni liberali agli enti del terzo settore;
  • i bonifici riguardanti le spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio, per arredo degli immobili ristrutturati e per la riqualificazione energetica degli esercizi;
  • alcuni dati presenti della Dichiarazione dei redditi dell’anno precedente;
  • altri dati presenti nell’Anagrafe tributaria.

Si può integrare?

Proprio per questo viene chiamato modello precompilato: dal 15 aprile fino al 2 maggio era possibile solo visualizzare il modello percompilato mentre dal 2 maggio è possibile, per il contribuente, modificare ed integrare il proprio modello 730 a partire fino alla scadenza del 23 luglio 2019.

Il 23 luglio 2019 è una data da ricordare per i lavoratori dipendenti ed i pensionati, in quanto dovranno trasmettere la dichiarazione dei redditi all’Agenzia delle Entrate.




I vantaggi di avere il modello 730 precompilato, sono molteplici per:

  • coloro che non hanno difficoltà a compilarlo da soli perché non sarà più necessario rivolgersi per forza ad un CAF (si ricordi, però, di fare attenzione ed evitare distrazioni durante la compilazione);
  • i lavoratori dipendenti e i pensionati che non hanno particolari spese da portare in detrazione fiscale o redditi da dichiarare diversi da quelli corrisposti dal datore di lavoro o dall’INPS.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.