730 precompilato 2019, quando utilizzarlo



730




Dal 15 aprile è possibile visualizzare il modello 730 precompilato sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Dal 2 maggio si possono modificare o integrare i dati contenuti in esso e inviarlo all’Agenzia delle Entrate entro il 23 luglio 2019.  L’invio può essere fatto tramite il vostro Caf di fiducia o potete farlo da soli se avete le giuste competenze.

Come funziona il 730 precompilato

Il modello 730 è precompilato sulla base dei dati che l’Agenzia delle Entrate raccoglie dalle dichiarazioni degli anni precedenti e dai dati che riceve da terze parti (banche, assicurazioni, sistema sanitario nazionale).

Si deve utilizzarlo quando:




  • si è lavoratori dipendenti;
  • si è pensionati;
  • si riceve un’indennità sostitutiva da lavoro dipendenti (per esempio, la Cassa Integrazione);
  • si è lavoratori con contratto a tempo determinato (se il rapporto di lavoro dura per un periodo inferiore all’anno);
  • si è lavoratori con contratti di collaborazione coordinata e continuativa;
  • si appartiene ad una serie di categorie particolari (parlamentari, cariche elettive, sacerdoti della Chiesa cattolica, alcuni soci di cooperative di produzione e lavoro);
  • si è personale della scuola con un contratto di lavoro a tempo determinato;
  • si è una persona impegnata in lavori socialmente utili.

Come si accede al sito dell’agenzia delle entrate

Bisognerà accedere con i propri dati al sito dell’Agenzia delle Entrate; in particolare, sarà necessario possedere uno di questi dati:

  • credenziali SPID, il Sistema Pubblico dell’Identità Digitale che permette di accedere ai servizi della Pubblica Amministrazione;
  • credenziali Fisconline (se pin e password sono stati ottenuti direttamente dall’Agenzia delle Entrate);
  • credenziali INPS (con il PIN);
  • credenziali NoiPA per i dipendenti della Pubblica Amministrazione;
  • Carta Nazionale dei Servizi.

Dopo aver effettuato l’accesso ed essere entrati nella sezione dedicata al modello 730 precompilato, basterà controllare che tutto sia corretto e, nel caso, inviare il modello all’Agenzia delle Entrate.

Se mancano alcuni dati che fare?

Se, invece, ci fossero dati scorretti o mancanti, il 730 precompilato potrà essere modificato prima dell’invio, da soli (facendo molta attenzione ed evitando distrazioni) oppure recandosi da un commercialista o presso un CAF.

Un vantaggio per chi invia il 730 senza effettuare modifiche è quello che, in questo caso, non sarà sottoposto a controllo formale sui documenti relativi agli oneri indicati nella dichiarazione, forniti all’Agenzia delle Entrate da soggetti terzi.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.