730 precompilato 2019, può essere modificato?



730




Dal 15 aprile è online sul sito dell’Agenzia delle Entrate, il modello 730 precompilato che può essere scaricato per poi poter portare la documentazione al Caf per effettuare la dichiarazione dei redditi 2019.

Precompilato con una serie di dati già in possesso dell’Amministrazione Finanziaria (come ad esempio quelli che riguardano la Certificazione Unica, le spese sanitarie ammesse in detrazione fiscale, gli interessi passivi del mutuo e così via).

Modificare il 730 precompilato

Dal 2 maggio è possibile modificare o integrare i dati inseriti nel modello precompilato oppure accettarlo così com’è.




Bisognerà accedere con le proprie credenziali ai servizi online dell’Agenzia delle Entrate.

Per farlo, sarà necessario possedere uno di questi dati:

  • credenziali SPID, il Sistema Pubblico dell’Identità Digitale che permette di accedere ai servizi della Pubblica Amministrazione;
  • credenziali Fisconline (se pin e password sono stati ottenuti direttamente dall’Agenzia delle Entrate);
  • credenziali INPS (con il PIN);
  • credenziali NoiPA per i dipendenti della Pubblica Amministrazione;
  • Carta Nazionale dei Servizi.

Una volta eseguito l’accesso, ci si dovrà spostare nella sezione dedicata alla al 730 precompilato e poi su “Visualizza il 730 precompilato” e si visualizzerà:

  • il modello 730 precompilato;
  • un foglio informativo che contiene tutte le informazioni in possesso dell’Agenzia delle Entrate, con le relative fonti utilizzate per l’elaborazione della dichiarazione (una dichiarazione sintetica dei redditi e delle spese presenti nel 730 precompilato);
  • l’esito della liquidazione della dichiarazione (cioè il rimborso da ricevere o le somme da versare).

Spostandosi nella sezione “Modifica il 730 e invia”, si potrà modificare e integrare il 730 precompilato, se non è corretto o completo e, infine, inviarlo.

Si potranno:

  • visualizzare i quadri per inserire i dati che mancano, controllare la correttezza dei dati del sostituto d’imposta che deve rimborsare o pagare quanto dovuto oppure effettuare le scelte di destinazione dell’8, 5 e 2 per mille;
  • scegliere se presentare la dichiarazione congiunta;
  • controllare il prospetto di liquidazione per verificare la presenza di eventuali errori;
  • selezionare “Stampa e invia” per inviare la dichiarazione e verificare l’esito dell’invio.

L’invio del modello precompilato deve essere effettuato entro la scadenza fissata per il 23 luglio 2019.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.