Assegni familiari, come vanno richiesti



Assegni familiari




Gli assegni familiari sono delle prestazioni economiche che spettano ai nuclei familiari di:

  • lavoratori dipendenti del settore privato;
  • lavoratori dipendenti agricoli;
  • lavoratori domestici e somministrati;
  • lavoratori iscritti alla Gestione Separata;
  • lavoratori dipendenti di ditte cessate e fallite;
  • titolari di pensione a carico del Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti, dei fondi speciali ed ex ENPALS;
  • titolari di prestazioni previdenziali;
  • lavoratori in altre situazioni di pagamento diretto.

L’importo degli assegni familiari viene calcolato sulla base della tipologia del nucleo familiari, del numero dei componenti la famiglia e del reddito complessivo prodotto all’interno del nucleo familiare.

La domanda per gli assegni familiari

La domanda per gli assegni familiari deve essere presentata, per ogni anno a cui si ha diritto, esclusivamente per via telematica o tramite patronati o altri intermediari autorizzati.

Infatti, i lavoratori dipendenti di aziende attive nel settore privato non agricolo possono presentare domanda di assegni familiari solo nella modalità telematica attraverso il servizio online dedicato o tramite i servizi telematici offerti dagli enti di patronato. I lavoratori dipendenti di aziende attive del settore privato agricolo devono presentare la domanda di assegni familiari al datore di lavoro con il modello ANF/DIP (SR16) cartaceo.




Infine, per i lavoratori di ditte cessate e fallite

Infine, per i lavoratori di ditte cessate e fallite, gli assegni familiari vengono erogati direttamente dall’Istituto. La domanda, in questo caso, deve essere presentata all’INPS per via telematica, nel limite della prescrizione quinquennale. La domanda può essere fatta anche contattando il numero 803164 da rete fissa o 06164164 da rete mobile oppure tramite l’ausilio degli enti di patronato.

Per ogni variazione nella composizione del nucleo familiare o del reddito, il richiedente, deve presentare, sempre per via telematica, una domanda di variazione per il periodo di interesse, tramite apposita procedura. Nel caso di rioccupazione presso diverso datore di lavoro, relativamente a un periodo oggetto di domanda in corso di validità, non deve essere presentata alcuna domanda di variazione.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.