Plastic tax, di cosa si tratta e chi dovrà versarla?



Plastic tax




Una delle novità della Legge di Bilancio è la plastic tax, un’imposta sui prodotti in plastica monouso che entrerà in vigore a partire da luglio 2020. Si tratta di un’imposta che saranno tenuti a pagare coloro che producono, acquistano ed importano manufatti in plastica di singolo impiego, quelli che sono definiti MACSI. Ma gli italiani pagheranno più tasse nel 2020?

I prodotti definiti MACSI

Per MACSI si intendono tutti i prodotti destinati al contenimento, alla protezione, alla manipolazione o alla consegna di merci e prodotti alimentari, anche in forma di fogli, pellicole o strisce.

Sono inclusi nella plastic tax anche i contenitori in tetrapack mentre sono esclusi i prodotti compostabili in cui è presente una percentuale di plastica inferiore al 40% e i contenitori di medicinali e i dispositivi medici. I contribuenti tenuti al pagamento di tale imposta, dovranno pagare 45 centesimi al chilogrammo di materia di plastica.

Per accertare il pagamento dell’imposta e calcolare il debito di imposta, i contribuenti saranno tenuti anche a presentare delle dichiarazioni trimestrali all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli entro la fine del mese successivo al trimestre solare cui la dichiarazione si riferisce.




L’importo minimo della plastic tax è di 10 euro

L’importo minimo della plastic tax è di 10 euro: infatti, al di sotto di tale cifra il contribuente non sarà tenuto né al versamento né alla dichiarazione.

Lo Stato, inoltre, per agevolare le imprese produttrici di MACSI, ha previsto un credito di imposta del 10% sulle spese sostenute dal 1° gennaio 2020 al 31 dicembre 2020 per permettere a tali imprese l’adeguamento tecnologico finalizzato alla produzione di manufatti biodegradabili e compostabili.

Quanto alle sanzioni, in caso di mancato pagamento della plastic tax, è prevista una sanzione amministrativa che può andare dal doppio fino al decuplo dell’imposta dovuta (da un minimo di 500 euro).

Il pagamento in ritardo viene punito con una sanzione amministrativa pari al 30% di quanto dovuto (a partire da 250 euro). Mentre se si presenta in ritardo la dichiarazione, è prevista una sanzione dai 500 ai 5000 euro.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.