Prestito 25mila euro, cosa accade se non si paga



prestito 25mila euro




Le piccole e medie imprese, le persone fisiche che esercitano impresa, arti e/o professioni (anche forfettari), gli enti privati (se iscritti alla Camera di Commercio) e le start up possono richiedere il prestito 25mila euro previsto dal Decreto liquidità n.23/2020. Anche questo facente parte del Cura Italia come il bonus 600 euro che in molti stanno aspettando anche per il mese di passato e il mese di maggio.

Prestito 25mila euro, totalmente garantito dalla stato

Si tratta di un prestito garantito al 100% dallo Stato fino ad un massimo di sei anni.

Il richiedente non dovrà rimborsare il capitale per i primi due anni dalla data di erogazione del prestito (pre ammortamento di 24 mesi) e le banche richiederanno, per questi due anni, solo il versamento della quota interessi dovuta.

Nel caso di imprese con meno di 5000 dipendenti e un fatturato inferiore a 1,5 miliardi di euro, la garanzia statale è del 90% dell’importo del finanziamento mentre, per le imprese con oltre 5000 dipendenti e un fatturato compreso fra 1,5 e 5 miliardi di euro, la garanzia dello Stato è dell’80% del finanziamento che scende al 70% se il fatturato dell’impresa supera i 5 miliardi.




Per le imprese con massimo 499 dipendenti

Comunque, per le imprese con massimo 499 dipendenti e ricavi fino a 3,2 miliardi di euro, la garanzia del 90% può arrivare al 100% se si ricorre ad una garanzia di un soggetto terzo tramite Confidi. Praticamente la garanzia dello Stato sostituisce le normali garanzie previste per ottenere un finanziamento: ciò vuol dire che, nel caso in cui il richiedente il prestito non riesca a pagare, sarà lo Stato a tutelare la banca creditrice e il contraente diventerà debitore nei confronti dello Stato.

Infatti, in caso di insolvenza anche solo di una rata del prestito, la banca potrà escutere la garanzia statale che va dall’80 al 100% del mancato pagamento. Dunque, lo Stato che ha prestato la garanzia ed ha pagato la banca, diventando creditrice, potrà rivalersi sul debitore utilizzando procedure esecutive.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.