Cartelle esattoriali, cosa fare quando ne arriva una



Cartelle esattoriali




Quando arriva una cartella esattoriale a casa, è facile farsi prendere dal panico, ma ci sono alcune cose da fare e da non fare quando ne arriva una.

Analizzare il contenuto della cartella esattoriale

La prima cosa da fare è quella di analizzare il contenuto della cartella, verificando che gli importi indicati siano veritieri e che non ci siano vizi che la rendano impugnabile.

Sicuramente il destinatario della cartella esattoriale ha ricevuto un preventivo avviso di pagamento che anticipava il recepimento futuro della cartella esattoriale.

Bisognerà allora accertarsi di aver ricevuto questo avviso: infatti, qualora non sia stato notificato, la cartella esattoriale è illegittima e si può impugnare. Inoltre, se anche il preavviso è avvenuto troppo tempo prima rispetto all’arrivo della cartella esattoriale, è probabile che sia caduta in prescrizione.




In particolare, le cartelle che si riferiscono a pagamenti di IVA, IRPEF, IRAP, imposta di bollo o di registro e altre tasse dovute allo Stato, si prescrivono in 10 anni.

Le cartelle che riguardano imposte locali

Le cartelle che riguardano imposte locali (IMU, TASI, multe stradali), cadono in prescrizione in 5 anni. Infine, le cartelle esattoriali che si riferiscono al bollo auto si prescrivono in 3 anni.

Ecco i termini entro i quali si può impugnare una cartella esattoriale:

  • 60 giorni nel caso di imposte e tributi
  • 30 giorni nel caso di una sanzione amministrativa
  • 40 giorni nel caso di contributi previdenziali INPS o assistenziali INAIL

Quello che non devi fare quando ti arriva una cartella esattoriale, è liberarti del tuo patrimonio vendendo o donando i tuoi beni, per evitare eventuali pignoramenti.

Sarebbe ormai troppo tardi e rischioso: infatti, ogni atto si può revocare entro 5 anni (tranne lo svuotamento del conto corrente).

Si può stare tranquilli che non si otterrà il pignoramento della propria casa (per chi ha un solo immobile di residenza), dunque non ha senso ricorrere a gesti affrettati come vendita o donazioni.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.