Cancellazione del bollo auto, cosa si sa 



Cancellazione




Già da diversi anni si vocifera sulla possibile cancellazione del bollo auto. Questa sarà, probabilmente, una delle tante novità previste dal nuovo Governo Draghi per sostenere le famiglie e i lavoratori che sono ormai in difficoltà da un anno da quando è iniziata la pandemia di Coronavirus. Inoltre il bollo auto è una di quelle tasse che pesa parecchio sul bilancio familiare.

Nel nuovo Decreto Sostegno

Nel nuovo Decreto Sostegno, infatti, molto probabilmente verrà prevista la cancellazione dei debiti emessi nel 2016. Dunque tutti coloro che hanno dimenticato di pagare il bollo auto e le multe arretrate fino al 2015, verranno esonerati da tali pagamenti.

Non c’è ancora la conferma definitiva ma pare che questa possa essere una delle novità del nuovo Decreto Sostegno.

È anche in questo decreto che si parla di un’eventuale ulteriore proroga della rottamazione delle cartelle e del saldo e stralcio: una novità che aspettano tanti contribuenti che si trovano in difficoltà.




Va detto che il saldo e il stralcio dei debiti generati da un bollo auto o da una multa scaduta, varrà soltanto se l’importo della cartella sia inferiore a 5000 euro.

Quindi il bollo auto non verrà cancellato per tutti i contribuenti.

Infatti, se le cartelle esattoriali superano l’importo di 5000 euro, è prevista una rottamazione che permetterà di pagare solamente l’importo reale della cartella (senza gli interessi e le sanzioni), con la possibilità di regolarizzare la propria posizione in due anni e di rateizzare il debito.

Per fortuna, le cartelle esattoriali che si riferiscono al pagamento del bollo auto, non hanno quasi mai un importo superiore ai 5000 euro.

Non resta che attendere ulteriori conferme o novità per sapere se effettivamente ci sarà la cancellazione del bollo auto.

La speranza è che sia così, dato che già nel 2019, con il decreto definito “strappa carte”, vennero cancellati i debiti fino ad un importo massimo di 1000 euro (quindi anche il bollo auto, per tutti coloro che non lo avevano pagato tra il 2000 e il 2010).


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.