Aggiotaggio, quando si viene indagati



Aggiotaggio




Si sente spesso parlare in tv o sui giornali del reato di aggiotaggio (si pensi ad esempio allo scandalo Parmalat, della Popolare di Vicenza o della SS Lazio). Di fondo è un reato finanziario e che ha delle conseguenze penali e civili.

Si tratta di un reato di natura bancaria e finanziaria

Si tratta di un reato di natura bancaria e finanziaria che si configura quando un soggetto, al fine di ottenere un beneficio di natura personale, altera il prezzo delle merci o dei valori del pubblico mercato, cambiandogli valore.

Dal punto di vista societario, si viene indagati quando, attraverso operazioni speculative, si modificano i prezzi dei titoli, pregiudicando così gli interessi degli altri soci e quando vengono diffuse notizie economico-finanziare false, non attendibili e non idonee oppure si utilizzano operazioni finte e simulate con lo scopo di alterare il prezzo di strumenti finanziari non quotati.

In questo caso si produce un danno per i potenziali investitori che, sulla base di queste informazioni fasulle, si ritroveranno a commettere un investimento sbagliato che possa compromettere la propria situazione finanziaria.




L’articolo 501 del codice penale

L’articolo 501 del codice penale disciplina il reato di aggiotaggio comune prevedendo sanzioni come la reclusione fino a tre anni e la multa da 516 euro a 25.822 euro.

Tali sanzioni spettano anche nel caso in cui il reato venga commesso all’estero arrecando danno all’economia e alla valuta nazionale, e addirittura vengono raddoppiate se il danno favorisce interessi stranieri o determina un deprezzamento della stessa valuta o dei titoli di Stato, comportando un inevitabile aumento dei prezzi dei beni di mercato o di largo consumo.

Nell’articolo 2637 del codice civile, invece, si fa riferimento al reato di aggiotaggio bancario e finanziario, prevedendo la pena della reclusione da uno a cinque anni.

Il reato di aggiotaggio societario è un reato di pericolo, perché con la propria condotta si mette in pericolo l’interesse pubblico economico.

Per quanto riguarda l’elemento psicologico è il dolo generico, che si manifesta nella volontà di modificare i prezzi.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.