La gestione delle vincite al gioco: modalità di tassazione



gioco




Il gioco pubblico è gestito e controllato da ADM, Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (ex AAMS) che esercita questa funzione in nome dello Stato e che rilascia ai concessionari le licenze ad operare sul territorio italiano, requisito indispensabile di legalità.

La normativa statale prevede che la riscossione dei premi derivanti da vincite in denaro al gioco sia soggetta a tassazione alla fonte, così come stabilito dall’art. 30 del DPR n. 600/73.

Le aliquote del prelievo erariale cambiano in base alla tipologia di gioco, e, prima di tutto, è opportuno fare la distinzione tra entrate tributarie ed entrate extratributarie.

Entrate extratributarie: Con questo termine si indica una trattenuta fiscale data dalla differenza tra la raccolta lorda di alcune tipologie di gioco, come il Lotto, il Superenalotto, le lotterie a estrazione differita, e il totale delle vincite effettuate sulle stesse, includendo inoltre gli aggi spettanti ai concessionari.




Entrate tributarie: Le entrate tributarie sono quelle il cui gettito è prodotto dalle altre tipologie di gioco, incluso quello a distanza.

Il gioco online: tassazione e prelievo

I compensi derivanti da vincite sui giochi a distanza prevedono una ritenuta alla fonte, in un’imposta unica stabilita dalla legge di bilancio in vigore dal gennaio 2019:

–   25 per cento per i giochi di abilità a distanza con vincita in denaro e per il gioco del bingo a distanza, calcolati sulle somme che, in base al regolamento di gioco, non risultano restituite al giocatore

–  24 per cento per le scommesse a quota fissa (ad esclusione delle scommesse ippiche), con imposta applicata sulla differenza tra le somme giocate e le vincite erogate

Il prelievo erariale, che viene trattenuto all’origine, garantisce la legalità delle operazioni di gioco, e, inoltre, permette il contenimento dell’evasione fiscale.  Le vincite conseguite presso un operatore dotato di licenza ADM, dunque, vengono erogate al giocatore al netto delle imposte.

L’aliquota applicata dallo Stato non influisce su altre variabili presenti nel gioco a distanza, come nel caso di vincite non prelevabili perché si è utilizzato il bonus casino senza deposito o come nel caso dei costi di commissione sul prelievo che dipendono dal metodo di pagamento utilizzato, e dunque a seconda che venga scelto un portafoglio elettronico, una carta ricaricabile oppure un bonifico bancario.

Come si è detto, le vincite oggetto di tassazione sono esclusivamente quelle conseguite all’interno di un operatore con concessione ADM, mentre, nel caso di importi vinti attraverso il gioco su piattaforme estere, queste, ai sensi dell’art. 69, comma 1, del TUIR vengono a costituire “reddito per l’intero ammontare percepito nel periodo d’imposta, senza alcuna deduzione” e vanno dunque dichiarate dal giocatore, in quanto si potrebbe configurare un illecito di evasione fiscale, sebbene la dichiarazione stessa in fase di denuncia dei redditi costituisca l’ammissione di aver praticato una forma di gioco non ritenuta legale in Italia.

In ogni caso, quando si consegue una vincita su una piattaforma in possesso di licenza ADM, il ruolo di sostituto d’imposta è svolto dallo Stato, per effetto della tassazione, e dunque questa non è soggetta a obblighi dichiarativi da parte del giocatore.

Lotterie nazionali: la tassazione

A partire dal marzo 2020 l’aliquota sulle vincite conseguite alle lotterie istantanee (il Gratta & Vinci) e sui giochi numerici a totalizzatore (Superenalotto) è pari al 20 per cento della parte che supera l’importo di 500,00 euro.

Dopo la “flat tax”, che imponeva una tassazione al 12 per cento, e dopo la previsione di uno scaglionamento progressivo in base all’importo delle vincite, dunque, oggi lo Stato trattiene, alla fonte, una percentuale del 20 per cento sulle cifre eccedenti i 500,00 euro, così come sancito dalla Legge 27 dicembre 2019, n. 160.

Per quanto riguarda il Gioco del Lotto e il 18 e Lotto, viene applicata invece una differente trattenuta sui premi, e ciò non dipende dalla somma oggetto della vincita: le aliquote, rispettivamente, sono pari all’8 per cento e all’11 per cento.

Nel caso di vincite derivanti dal gioco alle slot machine e alle videolottery, vige il Prelievo Erariale Unico o PREU, con una ritenuta rispettiva alla fonte del 24 per cento e dell’8,6 per cento, su effetto della Legge di Bilancio del 2021.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.