Bonus casa 2018, le detrazioni previste per la ristrutturazione



Bonus casa 2018, le detrazioni previste per la ristrutturazione




La legge di bilancio prevede il bonus casa 2018, una detrazione che prevede un rimborso nel caso si debba ristrutturare casa dal punto di vista della riqualificazione energetica.
Infatti nella nuova legge ci sarà ancora la proroga del bonus ristrutturazioni per quanto riguarda il miglioramento delle abitazione dal lato energetico evitando dispersioni e quindi combattendo le emissioni nocive coadiuvando, grazie al miglior apporto energetico notevoli benefici all’ambiente.
Inoltre oltre al bonus casa 2018 la legge di bilancio ha aggiunto gli incentivi per il bonus giardino 2018, oltre che, sempre dal punto di vista del risparmio energetico, il tanto atteso bonus caldaie 2018. Inoltre anche per chi ha avuto la casa danneggiata da eventi esterni come gli allagamenti, potrà accedere alle detrazioni, una sorta di bonus casa sicura.

Bonus casa 2018, come funziona

Un lavoro questo del governo per la nuova legge di bilancio 2018 che ha mantenuto il bonus casa
governo
  dando un segnale per  chi deve terminare o rivedere alcune cose sulla casa.
I lavori di casa e di ristrutturazione per ottenere il bonus casa 2018 prevede la conferma della detrazione dell’Irpef del 50% delle spese che si sosterranno per la ristrutturazione.
L’importo che potrà essere detratto avrà un tetto massimo di 96mila euro, inoltre possono accedere alla detrazione Irpef per il bonus casa coloro che hanno avuto dei danni derivati da calamità naturali come il terremoto ad esempio, i box auto pertinenziali e l’abbattimento delle barriere architettoniche, quest’ultimo argomento molto importante per la qualità di vita che si offrirà a chi è stato meno fortunato.

Come si ottiene il Bonus casa 2018

È molto importante la tracciabilità quando si parla di rimborsi e detrazioni fiscali perché è importante
per la documentazione da presentare all’agenzia delle entrate per ottenere il bonus casa agenzia delle
entrate che dovrà ricevere:

  • Pagamento con bonifico bancario per accertare il pagamento con la causale del versamento
  • codice fiscale o partita iva del beneficiario, che sia una ditta o un lavoratore autonomo

Presentati questi documenti l’agenzia delle entrate provvederà a mettere in detrazioni le spese fatte
ricordiamo che il bonus casa 2018 sarà suddiviso in dieci quote annuali di pari importo.
Per quanto riguarda invece l’ecobonus per il risparmio energetico, chi installerà delle nuove finestre
per la coibentazione
o nuova caldaie di classe energetica A avrà una detrazione fiscale non più del
65% ma del 50% .






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.