730 precompilato, le modifiche consentite dopo il 2 maggio



730 precompilato, le modifiche consentite dopo il 2 maggio




Il via al 730 precompilato è stato dato per il 16 aprile e sarà consultabile da ci ovviamente ha il permesso di accedervi. Le modifiche però saranno consentite dal 2 maggio in poi e l’ultimo giorno fissato per poter inviare il tutto è il 23 luglio. È bene quindi conoscere tutto quello che riguarda il 730 per evitare di incorrere in errori comuni.

Fare ciò sarà possibile direttamente dall’applicazione web e sarà consentito modificare anche il modello Redditi. L’ex modello unico quindi, potrà dare la possibilità agli individui di modificare e  metter mano sui propri documenti, inviandoli direttamente all’agenzia delle entrate o, se ritenuto opportuno, con l’aiuto di un professionista o del CAF.

730 precompilato, come scaricare la dichiarazione

Venire in possesso del modello 730 precompilato è un problema per chi non è a conoscenza delle modalità per farlo, però l’Agenzia delle Entrate ha caricato dei modelli online sul proprio sito, in un’apposita area riservata. Coloro che sono interessati però, potranno farvi accesso solo facendo richiesta di un codice PIN.

Ricevuto quest’ultimo, si potrà procedere con la consultazione della dichiarazione dei redditi e qualora sia necessario, modificarla e integrare o sottrarre elementi che non sono corretti per la propria situazione. Ovviamente coloro che fanno ciò autonomamente, senza l’aiuto del CAF o di professionisti, si assumono totalmente la responsabilità di quanto dichiarato.




730 precompilato, i consigli da seguire

Ovviamente se non si è esperti, il primo consiglio che ci sentiamo di dare è quello di rivolgersi ad un professionista o ad un
CAF, onde evitare situazioni spiacevoli. Questo perché quando si fanno
dichiarazioni da autonomi, si rischia di cadere in errori che poi saranno severamente puniti.

Altro consiglio utile è quello di considerare inoltre, che il modello 730 precompilato non è obbligatorio
da utilizzare, questo perché sarà comunque possibile utilizzare le vecchie modalità, questo è stato solo
un semplice passo in avanti.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.