Tassazione associazione culturale, quello che c’è da sapere



Tassazione associazione culturale, quello che c’è da sapere




Istituendo un’associazione culturale, ci si troverà a confrontarsi con una tassazione associazione diversa rispetto a quella familiare e a quella di una società srl o di una ditta individuale. le associazioni, infatti, da questo punto di vista, possono usufruire di agevolazioni, ma, ovviamente, devono rispettare dei canoni insindacabili.

Innanzitutto, un’associazione culturale è un ente non commerciale di tipo associativo, per questo definita non profit, questa infatti è una delle cose da sapere quando si decide di aprire un’associazione culturale. Giacchè l’associazione non è a scopo di lucro, alcuni proventi non sono tassabili né c’è la necessità che siano dichiarati. Ovviamente, per usufruire di questi benefici, l’aspetto commerciale non deve assolutamente prevalere su quello istituzionale.

Come classificare le prestazioni dell’associazione culturale

Non sono da considerarsi commerciali le prestazioni di servizi svolte senza scopo di lucro, e in maniera non professionale, ovvero senza insegne pubblicitarie e non in un locale adibito al commercio. È importante che gli introiti vadano semplicemente a coprire i costi.

Andiamo a vedere un po’ più dettagliatamente i redditi che non sono tassabili:




  • I fondi raccolti durante manifestazioni od eventi, purchè organizzati sporadicamente.
  • I contributi pubblici a fondo perduto
  • La vendita di pubblicazioni, se effettuata principalmente nei confronti dei propri associati
  • Le quote o i contributi versati da soci o partecipanti

Se però l’associazione svolge anche un’attività commerciale, sempre secondaria, ricordiamo, ed i ricavi
della suddetta non superano i 250.000 euro, si può usufruire di un regime fiscale agevolato, detto
regime “Legge 398”. Tale legge impone un’IVA minoritaria e semplificazioni negli adempimenti contabili e
fiscali.

Le attività di un’associazione considerate commerciali

Per legge sono considerate commerciali le seguenti attività: Partecipazioni a fiere ed esposizioni a
carattere commerciale; l’erogazione di servizi necessari come ad esempio le fognature; il trasporto di
merci o persone; l’organizzazione di viaggi; la gestione di spacci aziendali e mense; svolgere servizi di
telecomunicazione e/o radiodiffusione.

È importante sottolineare che, parlando di associazione, intende un’attività non professionale, quindi
senza grandi capitali, con lavoro prevalentemente volontario o comunque svolto dai soci.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.