Sgravi fiscali 2019 aziende, la pubblicità è detraibile



Sgravi fiscali 2019 aziende, la pubblicità è detraibile




Per quanto riguarda gli sgravi fiscali 2019 c’è da annoverare il bonus pubblicità è un credito di imposta per le imprese, i lavoratori autonomi e gli enti non commerciali con riferimento agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa quotidiana e periodica (anche online) e sulle emittenti televisive e radiofoniche effettuate a partire dal primo gennaio 2019.

Queste spese sostenute per l’acquisto di pubblicità, si devono considerare al netto delle spese accessorie, dei costi di intermediazione e di qualsiasi altra spesa diversa dall’acquisto dello spazio pubblicitario (anche se ad esso connesso o funzionale). Nello specifico, quando si tratta del bonus pubblicità, l’agevolazione è rappresentata da un credito di imposta fino al 90%.

Sgravi fiscali 2019, come ottenerli per la pubblicità

Tuttavia, per poterne beneficiare, la condizione è che l’importo complessivo degli investimenti pubblicitari realizzati superi almeno dell’1% l’importo che gli stessi investimenti abbiano avuto nell’anno precedente sugli stessi mezzi di informazione. Per il 2019 non è possibile accedere a tale credito di imposta se gli investimenti pubblicitari dell’anno precedente (quindi, quelli sostenuti nel 2018) siano stati pari a 0.

Di conseguenza, anche i soggetti che abbiano iniziato un’attività nel corso dell’anno nel quale si richiede il beneficio, saranno esclusi dal credito di imposta.




In ogni caso, gli investimenti incrementali ammessi al credito di imposta sono quelli che si riferiscono
all’acquisto di spazi pubblicitari o di inserzioni commerciali che siano stati effettuati esclusivamente su
giornali quotidiani e periodici che siano stati pubblicati in edizione cartacea, editi in formato digitale e
editi nell’ambito della programmazione di emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali.

Quali requisiti sono richiesti

Qualora si siano fatti investimenti pubblicitari su entrambi i mezzi di informazione, l’incremento che si
riferisce all’investimento pubblicitario per cui si chiede il credito di imposta verrà calcolato in maniera
separata per i due mezzi di informazione.

Tuttavia, rimane ferma la condizione che tutto l’investimento nel suo complesso debba superare
l’importo dell’investimento fatto nell’anno precedente almeno dell’1%.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.